• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02757/047    premesso che:     la legge di delegazione europea contiene le disposizioni di delega necessarie all'attuazione delle direttive europee e delle decisioni quadro, nonché degli...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02757/047presentato daPERANTONI Mariotesto presentato Martedì 30 marzo 2021 modificato Mercoledì 31 marzo 2021, seduta n. 478

   La Camera,
   premesso che:
    la legge di delegazione europea contiene le disposizioni di delega necessarie all'attuazione delle direttive europee e delle decisioni quadro, nonché degli obblighi direttamente riconducibili al recepimento di atti legislativi europei;
    la direttiva 2014/89/UE ha istituito un quadro per la pianificazione dello spazio marittimo, prevedendo che ogni Stato membro debba elaborare ed attuare la pianificazione dello spazio marittimo per contribuire allo sviluppo e alla crescita sostenibili nel settore marittimo, mediante la redazione di appositi piani di gestione dello spazio marittimo;
    detti piani devono essere approvati entro e non oltre il 31 marzo 2021, pena l'apertura di una procedura di infrazione;
    nel nostro Paese, la direttiva 2014/89/UE è stata recepita con il decreto legislativo 17 ottobre 2016, n. 201, principalmente finalizzato a promuovere la crescita sostenibile delle attività marittime e l'uso sostenibile delle risorse marine tramite la creazione di un quadro che consenta di attuare efficacemente la pianificazione dello spazio marittimo nelle acque nazionali;
    il decreto legislativo 17 ottobre 2016, n. 201 ha fissato – ai fini del recepimento della direttiva 2014/89/UE – al 31 dicembre 2020 il termine per l'adozione dei piani di gestione dello spazio marittimo nazionale, termine successivamente prorogato al 31 marzo 2021, in concomitanza con la scadenza già prevista dalla citata direttiva;
    con decreto del 13 novembre 2017, n. 529, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti – quale autorità competente – ha designato i componenti del comitato tecnico cui è affidata l'elaborazione dei piani di gestione dello spazio marittimo;
    con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1 dicembre 2017 (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 24 gennaio 2018) sono state quindi approvate le linee guida contenenti gli indirizzi e i criteri per la predisposizione dei piani di gestione dello spazio marittimo;
    il comitato tecnico ha conseguentemente avviato l'acquisizione dei dati e delle informazioni necessarie a giungere alla descrizione degli utilizzi e delle destinazioni attuali del litorale e degli spazi marittimi di interesse del Paese;
    pertanto, considerato che le attività preliminari al progetto sono già state avviate, e anche alla luce di un esame comparativo con le analoghe esperienze maturate presso altri Paesi dell'Unione europea, è urgente ed indispensabile l'adozione dei provvedimenti necessari ad assicurare la tempestiva adozione dei piani di gestione dello spazio marittimo e quindi il tempestivo recepimento della direttiva 2014/89/UE, al fine di evitare il concreto rischio che, per il mancato adempimento al termine previsto dalla normativa europea di riferimento, l'Italia incorra nell'avvio di una procedura d'infrazione,

impegna il Governo

a predisporre ogni utile iniziativa finalizzata alla tempestiva conclusione delle procedure di approvazione dei piani di gestione degli spazi marittimi individuati dal Comitato di gestione degli spazi marittimi di cui al decreto legislativo n. 201 del 2016, recante attuazione della direttiva 2014/89/UE.
9/2757/47. (Testo modificato nel corso della seduta) Perantoni.