• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05575 (5-05575)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Mercoledì 24 marzo 2021
nell'allegato al bollettino in Commissione XIII (Agricoltura)
5-05575

  Signor Presidente, Onorevoli deputati,

  rilevo in premessa che il Ministero delle politiche agricole, in attuazione delle disposizioni di cui articolo 1, comma 139, della Legge di bilancio n. 178 del 2020, ha già definito una bozza di decreto ministeriale per consentire un accurato monitoraggio delle produzioni cerealicole presenti sul territorio nazionale.
  Come correttamente ritenuto dall'interrogante, si tratta di una grande opportunità per il settore cerealicolo, necessario per tracciare lo spostamento di tutte le categorie di cereali in Italia, sia che si tratti di prodotti nazionali che di prodotti importati.
  Il provvedimento che stiamo definendo sarà, a breve, oggetto di confronto con il Tavolo di filiera, al fine di condividere soluzioni volte alla semplificazione delle procedure amministrative previste, in linea con gli obiettivi indicati dalla citata disposizione di legge.
  Come indicato dall'Ordine del giorno della Camera dei deputati del 27 dicembre scorso, il periodo di sperimentazione non deve superare i 24 mesi, durata ritenuta consona per verificare eventuali criticità degli strumenti che saranno messi in atto e per evidenziare i punti da modificare e/o integrare nello stesso decreto.
  In tale direzione, con la bozza di provvedimento in parola abbiamo ritenuto di limitare la sperimentazione all'anno in corso, periodo valutato al momento solo da un punto di vista tecnico, ma suscettibile di riconsiderazione in fase di esame collegiale con le filiere interessate dopo i necessari approfondimenti.
  Decorso il periodo sperimentale, alle violazioni inerenti la tenuta del Registro si applicano le sanzioni amministrative previste dall'articolo 1, comma 142 della predetta legge.
  Rassicuro gli Onorevoli interroganti che il Ministero provvederà a recepire le istanze del mondo produttivo e, successivamente, ad implementare lo strumento di monitoraggio previsto dalla norma citata.