• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/08630 (4-08630)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-08630presentato daBORDONALI Simonatesto diVenerdì 19 marzo 2021, seduta n. 471

   BORDONALI, DONINA, EVA LORENZONI, FORMENTINI, MICHELI, RAFFAELE VOLPI, COLUCCI, BERLINGHIERI e BAZOLI. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della salute. — Per sapere – premesso che:

   com'è purtroppo noto, la provincia di Brescia è il territorio più gravemente colpito dall'ultima ondata della pandemia da Covid-19, nella quale il virus in questione e, in particolare, la sua variante cosiddetta inglese, fanno registrare indici di positività estremamente elevati che stanno sovraccaricando le strutture ospedaliere e i relativi reparti di terapia intensiva;

   secondo i dati diffusi dalla regione, ripresi dagli articoli di stampa, nella provincia in questione si sono registrati 6.148 casi totali di positività negli ultimi sette giorni, con una media di 878 contagi al giorno, ancora molto elevata, di cui 949 nelle ultime ventiquattro ore;

   i numeri sopra citati stanno mettendo a dura prova la tenuta del servizio sanitario (1.300 ricoveri nella sola provincia di Brescia) e producono gravi ripercussioni, oltre che da un punto di vista sanitario, anche da un punto di vista economico, commerciale e produttivo, a causa dell'applicazione delle più stringenti misure di contenimento della pandemia che si rendono inevitabili;

   a fronte di quanto precede, il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, ha richiesto, nei giorni scorsi, la destinazione di un maggior numero di vaccini alla regione e alla provincia di Brescia, ravvisando la necessità di un intervento rapido e deciso in tale territorio per arginare la delicata situazione in essere;

   è di tutta evidenza la necessità di dare ascolto a tale richiesta e di fornire alla regione Lombardia i vaccini necessari per mettere in campo una strategia di immunizzazione massiccia nella provincia di Brescia che possa incrementare sensibilmente la copertura vaccinale e limitare la portata diffusiva del virus e delle sue varianti –:

   se il Governo non ritenga opportuno adottare iniziative di competenza, a fronte della situazione esposta in premessa, al fine di assicurare alla regione Lombardia un numero di dosi adeguato per accelerare, in maniera consistente, i ritmi della campagna vaccinale nella provincia di Brescia, tenuto conto dell'elevato numero di contagi, ricoveri e, purtroppo, decessi ivi registrati.
(4-08630)