• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05477 (5-05477)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-05477presentato daFOTI Tommasotesto diMercoledì 10 marzo 2021, seduta n. 466

   FOTI e BUTTI. — Al Ministro della transizione ecologica. — Per sapere – premesso che:

   dal mese di febbraio 2020 risulta depositato presso il Ministero per l'ordinaria procedura di valutazione di impatto ambientale, il progetto di «Riqualificazione e riefficientamento di un pontile per attracco di petroliere nel porto di Augusta (SR) in concessione demaniale a Maxcom Petroli S.p.a.»;

   il competente ufficio, secondo quanto previsto dal decreto legislativo n. 152 del 2006 (testo unico ambientale), avrebbe dovuto esprimere parere entro 60 giorni;

   sul detto progetto sono già stati espressi i pareri (tutti positivi) degli enti preposti della regione siciliana;

   il progetto prevede il rifacimento della parte superiore del pontile utilizzando «poltruso», un materiale composito formato da plastica e fibra di vetro. È inoltre previsto il rifacimento di tutto il piping esistente e la riparazione/sostituzione dei pilastri a mare con segni di ammaloramento. Si prevede, infine, il prolungamento di 25 metri necessario per potere permettere l'attracco di testa delle navi a maggior pescaggio, in modo che possano scaricare direttamente sul pontile senza dover utilizzare «bettoline» come vettore intermedio per poter stoccare a terra il prodotto:

   la procedura che qui interessa è registrata sul portale del Ministero con il numero 5138 e la documentazione risulta completa di ogni richiesta di parere dovuto per legge;

   l'intervento in questione è realizzato con capitali interamente privati e la società, per questioni di sicurezza anche ambientale e competitività dello scalo, ben note al Ministero, deve iniziare i lavori entro l'estate del corrente anno;

   in sostanza, un progetto di riqualificazione ambientale avviato nel 2018 attende, dopo anni, la prescritta autorizzazione –:

   quali siano le ragioni del clamoroso ritardo accumulato dal Ministero in ordine all'autorizzazione richiesta e quali iniziative intenda porre in essere per il rilascio, senza ulteriori indugi, dell'autorizzazione relativa alla valutazione di impatto ambientale (Via).
(5-05477)