• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/02101/008 Il Senato, in sede di esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183, recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/2101/8 presentato da GIANMAURO DELL'OLIO
giovedì 25 febbraio 2021, seduta n. 300


Il Senato,

in sede di esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183, recante disposizioni urgenti in materia di termini legislativi, di realizzazione di collegamenti digitali, di esecuzione della decisione (UE, EURATOM) 2020/2053 del Consiglio, del 14 dicembre 2020, nonché in materia di recesso del Regno Unito dall'Unione europea,

premesso che:

l'articolo 106 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020 n. 27, ha disposto, in deroga agli articoli 2364 e 2478-bis del Codice Civile, la convocazione dell'assemblea ordinaria entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio;

in sede di esame nelle Commissioni Riunite Affari Costituzionali e Bilancio del Senato, il comma 6 dell'articolo 3, è stato integralmente sostituito, posticipando il termine entro il quale l'assemblea ordinaria delle S.p.A. ed s.r.l. dev'essere necessariamente convocata ed estendendo l'applicabilità delle norme sullo svolgimento delle assemblee ordinarie delle SpA e s.r.l. disposte dall'articolo 106 del decreto legge n. 18 del 2020 alle assemblee sociali tenute entro il 31 luglio 2021;

la disposizione in esame, di fatti, ripropone, per i bilanci 2020, la stessa disposizione di cui all'articolo 106, precisando che l'assemblea ordinaria è convocata per l'approvazione del bilancio al 31 dicembre 2020 entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio;

l'articolo 106, comma 8-bis, prevede che le disposizioni ivi previste si applichino anche a determinate tipologie di fondazioni ed enti;

risulta, pertanto, poco chiaro allo stato attuale se gli enti del terzo settore possano beneficiare della proroga prevista dall'articolo 3, comma 6;

impegna il Governo:

a valutare l'opportunità di precisare, con un atto di rango secondario, la reale portata applicativa dell'articolo 3, comma 6, specificando che la stessa si applica anche per l'approvazione dei bilanci degli enti del terzo settore.
(numerazione resoconto Senato G3.303)
(9/2101/8)
Dell'Olio, Accoto, Bottici, Fenu, Gallicchio, Marco Pellegrini, Pesco, Presutto