• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/05389 (5-05389)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-05389presentato daCARNEVALI Elenatesto diMartedì 23 febbraio 2021, seduta n. 461

   CARNEVALI, SANGA, BELOTTI, FRASSINI, RIBOLLA, INVERNIZZI, SORTE, BENIGNI e TERMINI. — Al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

   Novem Car Interior Design S.p.a., è un produttore attivo a livello globale di componenti decorativi di alta qualità soprattutto in legni pregiati ed elementi funzionali per gli interni di auto di lusso, fornitore delle più rinomate case automobilistiche e con stabilimenti in Germania, Repubblica Ceca, Slovenia, Cina, Messico, Honduras e Italia, detenendo la più grossa fetta di tale mercato, con un fatturato che si aggira intorno ai 600/700 milioni di euro annui;

   lo stabilimento italiano di Bagnatica (Bergamo) che è arrivato ad occupare fino a circa 400 dipendenti, a seguito di una forte ristrutturazione nel 2012, nel corso degli ultimi 10 anni è sempre stato messo ai margini del gruppo, a vantaggio dello stabilimento di Zalec in Slovenia, e sembrerebbe ritenuto non più strategico per competere a livello mondiale, e relegato alla produzione dedicata al solo mercato italiano, in particolare ai marchi Maserati e Alfa Romeo;

   nei primi mesi del 2019, conseguentemente alla crisi globale del mercato automobilistico, è arrivata la decisione da parte della proprietà di spostare una parte di produzione nello stabilimento sloveno;

   per lo stabilimento di Bergamo si è fatto ricorso ad ammortizzatori sociali e al licenziamento dei dipendenti somministrati, per il periodo intercorso fino al lancio di nuovi modelli Fca (seconda parte del 2021), che dovrebbero normalizzare i livelli occupazionali e permettere anche nuove assunzioni;

   a metà del 2020 è stata presa la decisione che, per quanto riguarda le nuove piattaforme da avviare nel 2021, due fasi del processo produttivo sarebbero state fatte anch'esse in Slovenia;

   nel mese di gennaio 2021 è stato predisposto un ulteriore spostamento di altre fasi del processo produttivo, lasciando per Bergamo solo la fase di assemblaggio e controllo, con l'obiettivo di portare la forza lavoro a 60 unità rispetto alle attuali 115, decisione che fa temere per il futuro produttivo dell'impianto;

   forti preoccupazioni sono state espresse dai lavoratori e dalle loro rappresentanze sindacali circa la sostenibilità del sito produttivo con tali bassissimi carichi di produzione e occupazionali, sollecitando la proprietà, anche con uno sciopero a cui hanno preso parte tutti i lavoratori dell'impianto bergamasco, ad attuare investimenti atti a rilanciare l'occupazione e il ruolo strategico dello stabilimento di Bagnatica –:

   quali iniziative di competenza intenda assumere, compresa l'apertura di un tavolo di crisi dopo il confronto tra le parti nella sede del comune di Bagnatica (Bergamo) rispetto alla decisione del gruppo aziendale Novem Car Interior Design di depotenziare progressivamente lo stabilimento della bergamasca.
(5-05389)