• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02835-A/007    premesso che:     con le ultime misure emergenziali dovute alla pandemia da COVID-19, compreso il provvedimento in esame, il Governo ha stabilito la chiusura degli impianti...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02835-A/007presentato daBENAMATI Gianlucatesto diMercoledì 20 gennaio 2021, seduta n. 454

   La Camera,
   premesso che:
    con le ultime misure emergenziali dovute alla pandemia da COVID-19, compreso il provvedimento in esame, il Governo ha stabilito la chiusura degli impianti nei comprensori sciistici, permettendone l'utilizzo solo da parte di atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP) ovvero dalle rispettive federazioni per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali o lo svolgimento di tali competizioni;
    l'economia legata al turismo invernale ha un peso economico stimato tra i 10 e i 12 miliardi di euro tra diretto, indotto e filiera, e dà lavoro a circa 120 mila persone tra lavoratori degli impianti a fune, personale cassa skipass e amministrazione, addetti alla pista (gattisti), maestri di sci, skimen, noleggiatori di attrezzatura (sci, snowboard, ciaspole), guide alpine, guide di media montagna, organizzazioni gare e manifestazioni di vario genere;
    nei territori alpini e appenninici italiani operano un totale di circa 400 aziende, gli impianti di risalita sono 2.200, le piste di sci sono 3683, per un'estensione di 6.700 chilometri; per lo sci di fondo invece si parla di 239 anelli per una lunghezza di 1926 chilometri;
    secondo alcune stime, le perdite per il settore, già pesanti con lo stop relativo all'avvio di stagione, potrebbero arrivare a circa 8,5 miliardi di euro di fatturato, pari al 70 per cento del totale,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di prevedere, sia in caso di prolungamento della chiusura dei comprensori sciistici, sia nel caso di una riapertura con forti limitazioni di presenze sugli impianti e sulle piste da sci, ristori certi, immediati e proporzionati al minor fatturato della stagione, agli impianti di risalita e a tutte le attività correlate direttamente ed indirettamente coinvolte (come rifugi, alberghi, maestri di sci, servizi, eccetera).
9/2835-A/7. Benamati, Bonomo, Gavino Manca, Soverini, Zardini, Rizzo Nervo, Lepri, Pini, Siani.