• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02790-bis- ...    premesso che:     l'articolo 184 introduce le misure necessarie all'attuazione del Programma Next Generation EU (NGEU) prevedendo l'istituzione di un apposito Fondo di...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02790-bis-AR/073presentato daCAON Robertotesto diDomenica 27 dicembre 2020, seduta n. 446

   La Camera,
   premesso che:
    l'articolo 184 introduce le misure necessarie all'attuazione del Programma Next Generation EU (NGEU) prevedendo l'istituzione di un apposito Fondo di rotazione nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze e le disposizioni applicative per l'erogazione degli ingenti fondi ivi previsti;
    il problema della difesa idrogeologica del territorio del Veneto, colpito nell'ultimo decennio da numerose calamità causate da eventi atmosferici di particolare intensità, si pone con crescente urgenza;
    in tale ambito il completamento dell'idrovia Padova Venezia che garantisca i più alti standard in termini di sicurezza idraulica dei bacini complessivamente coinvolti, inclusi i nodi critici nei territori attraversati dal canale Novissimo nell'entroterra veneziano, è stata oggetto il 28 luglio 2020 di una mozione unitaria 1-00370 approvata all'unanimità dalla Camera, con la firma di tutti i Gruppi parlamentari;
    l'opera è destinata nell'immediato a regimentare il livello delle acque nei casi di esondazione dall'alveo del sistema fluviale Bacchiglione-Brenta, prevedendo altresì l'istituzione di un parco fluviale all'interno di un corridoio ecologico che ricalchi il percorso dell'idrovia, per la cui realizzazione sarà garantita la piena partecipazione degli enti locali e, in prospettiva, la possibilità di trasformarne il percorso in Idrovia di V classe per il collegamento dell'area industriale di Padova con la rete portuale della laguna veneta;
    la rilevanza dell'opera è stata più volte evidenziata; è stata dichiarata preminente interesse nazionale dalla legge n. 380 del 1990 e inserita nell'elenco annesso all'Accordo europeo sulle grandi vie navigabili, di importanza internazionale ratificato dall'Italia con la legge n. 16 del 2000;
    la regione Veneto, nel 2016, ha incluso il completamento dell'idrovia Padova-Venezia tra le opere immediatamente cantierabili. Nel 2018 e 2019 ben 31 consigli comunali della provincia di Padova e della città metropolitana di Venezia, hanno approvato mozioni ed ordini del giorno con la richiesta di procedere all'esecuzione del progetto definitivo;
    la realizzazione dell'idrovia è il primo tra i progetti approvati con la DGR n. 1529 del 17 novembre 2020 con la quale Veneto ha adottato del Piano Regionale per la Ripresa e la Resilienza (PRRR) ai fini della predisposizione del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza (PNRR), in attuazione della proposta di Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio del 28 maggio 2020, COM (2020) 408 final;
    il progetto è pienamente rispondente ai principi in base ai quali dovranno essere utilizzate le risorse del NGEU; investimento green, contrasto al dissesto idrogeologico e ai rischi alluvionali, modalità alternativa di trasporto, natura sociale dell'opera,

impegna il Governo

ad inserire il progetto per la realizzazione dell'Idrovia Padova Venezia tra quelli destinatari delle risorse di cui all'articolo 184 del provvedimento in esame.
9/2790-bis-AR/73. Caon, Manzo, Ubaldo Pagano, Garavaglia, Del Barba, Lupi, Baratto, Marin, Bond, Zanettin, Cortelazzo, Cassinelli, Zangrillo, Rosso, Giacometto, Porchietto, Vietina, Zan, Dal Moro.