• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02828/019    premesso che:     il disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 21 ottobre 2020, n. 130 reca ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02828/019presentato daSILLI Giorgiotesto diVenerdì 18 dicembre 2020, seduta n. 443

   La Camera,
   premesso che:
    il disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 21 ottobre 2020, n. 130 reca ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19;
    l'intervento normativo in esame si pone quale obiettivo, in particolare, apprestare in sostegno alle attività economiche penalizzate dalle nuove misure restrittive adottate per affrontare la cosiddetta «seconda ondata» della pandemia da COVID-19;
    il decreto-legge lascia però tuttora scoperti taluni settori rilevanti;
    in particolare, è stata segnalata l'esclusione del codice ATECO 477130, relativo al «commercio biancheria, camiceria e maglieria» dal novero delle attività aventi diritto ai contributi a fondo perduto;
    il settore è composto sovente da piccole attività familiari, che si sono viste private di gran parte delle risorse necessarie al proprio sostentamento;
    inoltre, le attività che si occupano della commercializzazione di tali articoli non sono che lo sbocco finale di una filiera molto importante dal punto di vista economico, che rappresenta altresì una bandiera del Made in Italy;
    il settore, peraltro, non è certo insignificante dal punto di vista occupazionale e, dunque, la definitiva chiusura di tali attività non può che avere effetti negativi dal punto di vista della perdita di numerosi posti di lavoro;
    risulta, altresì, l'esclusione del codice 467720, relativo al «Commercio all'ingrosso di altri materiali di recupero non metallici (vetro, carta, cartoni eccetera); sottoprodotti non metallici della lavorazione industriale (cascami)», settore di indubbia rilevanza per lo sviluppo della cosiddetta economia circolare, fondamentale per la tutela dell'ambiente,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di predisporre adeguate misure di sostegno a beneficio dei soggetti esercenti l'attività di «commercio biancheria, camiceria e maglieria» e di «Commercio all'ingrosso di altri materiali di recupero non metallici (vetro, carta, cartoni eccetera); sottoprodotti non metallici della lavorazione industriale (cascami)».
9/2828/19. (Testo modificato nel corso della seduta) Silli, Benigni, Gagliardi, Pedrazzini, Sorte.