• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03599 (5-03599)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 26 novembre 2020
nell'allegato al bollettino in Commissione IV (Difesa)
5-03599

  Il Comando Raggruppamento Subacquei e Incursori (COMSUBIN) rappresenta l'eccellenza nazionale nel campo delle Operazioni Speciali con il Gruppo Operativo Incursori (GOI) e nel campo delle operazioni subacquee convenzionali a quote profonde, con il Gruppo Operativo Subacquei (GOS).
  Nell'ampio contesto dello Strumento Militare Nazionale il Comando in argomento, con il suo complesso di uomini, mezzi, equipaggiamenti, materiali, procedure ed esperienza, è stato sempre considerato un patrimonio strategico per la componente operativa della Marina Militare, da anni impegnato in missioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione, nei principali teatri operativi ed aree di crisi.
  Tale assunto è stato corroborato, tra il 2013 e il 2019, dalle risorse investite nel settore, per l'efficienza, il rinnovamento e l'ammodernamento dei mezzi e dei sistemi del COMSUBIN, nonostante, le note difficoltà connesse al generale quadro finanziario con investimenti nell'ordine di 10M di euro annui che ha permesso di preservare le capacità operative del raggruppamento attraverso l'acquisizione di unità Navali Polifunzionali ad Altissima velocità (UNPAV), già consegnate alla Marina Militare, e un'Unità navale di maggiore appoggio alle operazioni speciali e di supporto alle operazioni subacquee e di soccorso a sommergibili sinistrati (SDO/SURS), di prossima consegna alla Marina Militare.
  Relativamente alla programmazione 2020-2026 il Comando de quo è destinatario di risorse tratte dai capitoli di investimento a fabbisogno dello stato di previsione della spesa della Difesa pari a 30M di euro e, in aggiunta, sono allo studio le modalità di implementazione di importanti progettualità destinate prioritariamente al rinnovamento delle capacità del GOS per interventi a quote profonde e per la bonifica di ordigni esplosivi, nonché, per la realizzazione dell'Area Addestrativa Galleggiante, unica nel suo genere, che riproduce gli ambienti di unità mercantili e di piattaforma off-shore e che consenta la condotta di profili esercitativi complessi subacquei e di assalto navale con l'impiego di munizionamento reale.
  Al riguardo, il progetto di realizzazione dell'Unità navale UBoS per le bonifiche subacquee allo stato attuale risulta finanziato ma non ancora avviato.
  Con riferimento alle dotazioni finanziarie per il funzionamento corrente, il Comando è destinatario di circa 4,1 milioni di euro annui.
  Inoltre, per la manutenzione e bonifica delle infrastrutture che insistono sul sedime della base di Varignano (SP) dal 2015 ad oggi sono stati stanziati 2 milioni di euro per il soddisfacimento delle esigenze infrastrutturali a cui va aggiunto il finanziamento stanziato (1.000.000 di euro) per l'ammodernamento della camera iperbarica sita presso il COMSUBIN, previsto con la Legge di Stabilità 2016 (n. 208 del 2015, art. 1 comma 491).
  Infine, in subordine all'auspicabile evoluzione in senso incrementale degli stanziamenti a cui la Difesa sarà in condizione di accedere, sono previste pianificazioni di lungo termine dell'investimento rivolte a progettualità già consolidate, nel periodo 2020-2034.