• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/07516 (4-07516)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-07516presentato daVIETINA Simonatesto diMartedì 17 novembre 2020, seduta n. 428

   VIETINA. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   la «Naspi» è un'indennità che spetta ai lavoratori dipendenti che cessano involontariamente il proprio rapporto di lavoro;

   può durare un massimo di 24 mesi e per il 2020 non può avere un importo superiore a 1335,40 euro;

   per ricevere l'indennità è necessario che nel corso dei quattro anni precedenti alla richiesta si siano versate almeno 13 settimane di contributi e svolte un minimo di 30 giornate lavorative;

   con i decreti «Rilancio» ed «Agosto» sono state previste rispettivamente due proroghe dell'indennità di disoccupazione di due mesi ciascuno;

   per incassare le prime mensilità, molti beneficiari hanno dovuto attendere per mesi e l'Inps ha ufficialmente garantito che tutti i pagamenti relativi alla proroga della «Naspi» sarebbero terminati entro il 2 novembre 2020 e, di fatto, ciò non si è realizzato;

   la situazione economica di lavoratori e imprese è in grave pericolo e alla luce del nuovo periodo di emergenza sanitaria da Covid-19 si attendeva dal Governo un'ulteriore proroga delle indennità di disoccupazione che, invece, non c'è stata;

   il Governo non ha chiarito le motivazioni a sostegno della mancata proroga, lasciando molti disoccupati, per i quali l'erogazione dei sussidi è al termine, nello sconforto e nel dubbio su quanto accadrà nel prossimo futuro –:

   se e in che tempi il Governo intenda adottare iniziative per prevedere un'ulteriore proroga della «Naspi», intervenendo a sostegno di lavoratori dipendenti che rischiano di restare privi di sussidi.
(4-07516)