• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/04344 URRARO - Al Ministro della salute. - Premesso che: il rapido incremento del numero di contagi da COVID-19 in Italia sta creando un clima di forte preoccupazione e di incertezza nella...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-04344 presentata da FRANCESCO URRARO
lunedì 2 novembre 2020, seduta n.271

URRARO - Al Ministro della salute. - Premesso che:

il rapido incremento del numero di contagi da COVID-19 in Italia sta creando un clima di forte preoccupazione e di incertezza nella popolazione e il Governo sta intervenendo con solerti emanazioni di decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, più che con interventi e programmazioni strutturati e preventivi a supporto della cittadinanza;

il rischio di una seconda ondata era altamente prevedibile, e pertanto, con altrettanta solerzia, ci si aspettava dal Governo l'adozione di misure per creare le migliori condizioni per arrivare preparati ad affrontare questa nuova sfida;

purtroppo, ad oggi, la situazione si presenta ancora instabile e lontana dall'assicurare ai cittadini un livello di preparazione delle strutture sanitarie e ospedaliere nell'accogliere e assistere, non solo l'elevato numero di pazienti COVID atteso, ma di garantire alla popolazione l'adeguato livello di assistenza anche per tutte le altre patologie;

l'ospedale "Santa Maria della pietà" di Nola (Napoli) ha già subito una chiusura temporanea del pronto soccorso per far fronte al drammatico aumento di ricoveri di pazienti COVID e sembra prossima la decisione di convertire l'ospedale in COVID hospital, con evidenti riflessi sanitari e sociali drammatici, dimostrando nessuna attenzione e sensibilità verso le esigenze dei cittadini e dei pazienti non COVID;

l'ospedale Santa Maria della Pietà interessa un'area molto vasta ed oltre 500.000 cittadini rimarrebbero senza la struttura di riferimento per visite specialistiche, la cura di gravi patologie e il pronto intervento, provocando una vera e propria paralisi di tutti i reparti ospedalieri, lasciando l'intera area dell'agro nolano priva del presidio sanitario di riferimento, non garantendo in tal modo alla cittadinanza interessata l'assistenza sanitaria ordinaria e d'emergenza;

considerando che, pur nella consapevolezza della necessità di incrementare l'assistenza per i pazienti COVID, data la situazione di estrema gravità, convertendo diverse strutture ospedaliere in COVID hospital, è quando mai necessario garantire alla cittadinanza, attraverso una riorganizzazione dell'assistenza ospedaliera a livello territoriale, la necessaria assistenza anche per tutte le altre situazioni cliniche o per le diverse patologie,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di tale situazione e come intenda intervenire al fine di assicurare a tutta la popolazione la necessaria assistenza sanitaria, in particolare per gli oltre 500.000 cittadini che fanno riferimento all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola;

se esista un piano di riorganizzazione sanitaria territoriale che assicuri e garantisca a tutti i malati le prestazioni e l'assistenza sanitaria necessarie, individuando quindi alternative valide e fruibili, senza creare ulteriori disagi.

(4-04344)