• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/04453 (4-04453)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Giovedì 15 ottobre 2020
nell'allegato B della seduta n. 409
4-04453
presentata da
SERRACCHIANI Debora

  Risposta. — Il finanziamento del percorso museale della «Casa Tartini» a Pirano in Slovenia è avvenuto, come l'interrogante ricorda, tramite il programma Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020.
  Il comune di Pirano, in conformità alle leggi vigenti in Slovenia, ha pubblicato la gara d'appalto e scelto in autonomia l'esecutore ai fini della messa in opera del percorso museale (testi, pannelli, grafica, contenuti, foto, e altro). Occorre sottolineare che per l'inaugurazione, organizzata dal comune di Pirano in qualità di capofila del Progetto, il vincitore della gara d'appalto ha installato i pannelli con i contenuti descrittivi del percorso museale la notte precedente l'inaugurazione ufficiale. Gli organizzatori si sono impegnati ad intervenire per il rifacimento completo di tutti i testi e del logo subito dopo la cerimonia. Allo stato attuale, tutto il materiale afferente alla comunicazione (pannelli, testi, grafica e contenuti), è stato attentamente rivisto, mantenendo in particolare solo la denominazione in italiano nel logo della «Casa Tartini».
  Il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale conferma nell'occasione la massima attenzione per la valorizzazione della lingua italiana in tutti i progetti sostenuti con i fondi della legge n. 73 del 2001 e nei confronti della minoranza italiana in Slovenia, da ultimo testimoniata dall'incontro avuto il 6 giugno 2020 dal Ministro Di Maio a Lubiana con l'onorevole Ziza, eletto nel 2018 al Parlamento sloveno in rappresentanza della Comunità nazionale italiana. Il tema sarà al centro anche dei miei prossimi colloqui con lo stesso onorevole Ziza e con il Presidente dell'Unione italiana, Maurizio Tremul.
  
Il Sottosegretario di Stato per gli affari esteri e la cooperazione internazionale: Ivan Scalfarotto.