• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/02866 (4-02866)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Lunedì 12 ottobre 2020
nell'allegato B della seduta n. 406
4-02866
presentata da
PAXIA Maria Laura

  Risposta. — Sulla base degli elementi forniti dalla competente direzione generale dello spettacolo, si riscontra l'atto di sindacato ispettivo sopra indicato, con il quale l'interrogante ha chiesto di conoscere «... se il Ministro non ritenga opportuno e indispensabile, per quanto di competenza, un'iniziativa governativa a sostegno del teatro catanese... anche attraverso l'aumento della dotazione del fondo unico dello spettacolo (Fus); se non ritenga opportuno adottare ogni iniziativa di competenza per promuovere l'istituzione del Bellini festival e, in particolare, per tutelare i lavoratori e le lavoratrici del teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania».
  Al riguardo si comunica quanto segue:

   1) Ai sensi dell'articolo 28 della legge n. 800/1967, che costituisce il nuovo ordinamento degli enti lirici e delle attività musicali, il teatro Massimo «Vincenzo Bellini» di Catania è un teatro di tradizione e in quanto tale non è sottoposto alla vigilanza del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. Il teatro opera quale ente autonomo regionale ed è sottoposto a vigilanza e controllo da parte della regione Siciliana.

   2) Il teatro è attualmente finanziato (ai sensi dell'articolo 18 del decreto ministeriale 27 luglio 2017, recante i nuovi criteri per i contributi allo spettacolo dal vivo) a valere sul fondo unico dello spettacolo, proprio in quanto «Teatro di tradizione». Nel 2018 il teatro è risultato assegnatario di un contributo di euro 1.328.434,00.
   Alla data odierna non è però possibile procedere al saldo del contributo 2019 (il restante 20 per cento del finanziamento), in quanto l'ente autonomo teatro Bellini non ha ancora presentato la documentazione necessaria ai sensi dell'articolo 6, comma 9 del decreto ministeriale 27 luglio 2017 (dichiarazione di pagamento dei costi per l'attività 2019), né posto in essere tutti gli adempimenti previsti dalla legge n. 112 del 2013.

   3) Il flusso di finanziamento regionale degli ultimi quattro anni (2016-2019), risultante dal bilancio progetto FUS (consuntivo economico), è stato di euro 13.322.665,00 nel 2016, euro 12.531.422,00 nel 2017, di euro 8.842.361,00 nel 2018 e di euro 8.289.244,00 nel 2019.

   4) A fronte dell'emergenza sanitaria da Covid-19, e al fine di sostenere i settori dello spettacolo, con il decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 e, in particolare con l'articolo 183, per l'anno 2020, agli organismi finanziati a valere sul fondo unico per lo spettacolo per il triennio 2018-2020, diversi dalle fondazioni lirico-sinfoniche, è erogato un anticipo del contributo fino all'80 per cento dell'importo riconosciuto per l'anno 2019. La restante quota, sarà erogata con modalità stabilite tramite decreto ministeriale, tenendo conto dell'attività svolta a fronte dell'emergenza sanitaria, della tutela dell'occupazione, e della riprogrammazione degli spettacoli.

   5) Nel dicembre 2017 è stato sottoscritto, un accordo tra la direzione generale spettacolo e il comune di Catania per la promozione e la valorizzazione dell'opera di Vincenzo Bellini attraverso un festival internazionale denominato «Teatro Bellini festival» per l'importo di euro 100 mila.

   6) Le leggi 20 dicembre 2012, n. 238, n. 17 del 2017 e n. 211 del 2017, hanno riconosciuto il particolare prestigio nazionale ed internazionale e il sostegno economico di 1 milione di euro all'anno (aggiuntivo rispetto al contributo ordinario FUS) a favore dei festival organizzati.
La Sottosegretaria di Stato per i beni e le attività culturali e per il turismo: Anna Laura Orrico.