• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/01925/014 in sede di discussione del disegno di legge di conversione del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia; premesso che: con...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/1925/14 presentato da ANTONIO BARBONI
martedì 6 ottobre 2020, seduta n. 261

Il Senato,
in sede di discussione del disegno di legge di conversione del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, recante misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell'economia;
premesso che:
con il Decreto legge n.34 del 19 maggio 2020 - c.d. decreto rilancio -, sono state emanate misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19;
l'articolo 112-bis del succitato Decreto prevede che in considerazione dell'emergenza sanitaria da Covid-19 che ha interessato comuni non compresi tra quelli previsti dall'articolo 112, nello stato di previsione del Ministero dell'interno è istituito un fondo con una dotazione di 40 milioni di euro per l'anno 2020, finalizzato al finanziamento di interventi di sostegno di carattere economico e sociale in favore dei comuni particolarmente colpiti dall'emergenza sanitaria;
il comune di Rimini, in rappresentanza dell'intera Provincia, aveva sensibilizzato il governo ad implementare il fondo, inizialmente previsto per 200 milioni, di ulteriori 40 milioni, per poter inserire tra i comuni interessati, non solo le quattro province lombarde e Piacenza, ma anche altri territori, come la provincia riminese, che hanno subito gli stessi danni delle zone rosse;
risulta attualmente, che in sede di individuazione dei criteri di ripartizione delle risorse, la Provincia di Rimini ne resterebbe esclusa, poiché il parametro utilizzato per sbloccare o meno le risorse è unicamente legato alla possibilità di attraversare i confini provinciali, in entrata e in uscita;
nella provincia di Rimini quindi il blocco non viene considerato totale, dato che le aree più delicate di confine venivano presidiate da posti di blocco con agenti impegnati a controllare gli spostamenti;
sull'intero territorio riminese sono state prese stringenti misure per contenere l'emergenza, tali da causare pesanti conseguenze economiche, dovute all'annullamento di congressi, fiere, e di tutto il settore turistico nel suo complesso completamente bloccato. Settori chiave dell'economia che al solo Comune di rimini ha comportato perdite per circa 25 milioni di euro, per minori introiti dell'attività economiche,
impegna il Governo:
a valutare la possibilità di assumere iniziative volte a stabilire giusti criteri che tengano conto della reale situazione verificatasi in periodo di lockdown, affinché anche la provincia di Rimini venga ricompresa nelle cosiddette zone rosse quali Piacenza e Medicina, così come dimostrato dalla comprovante documentazione fornita dallo stesso Ente.
(numerazione resoconto Senato G39.100)
(9/1925/14)
Barboni, Paroli, Berardi, Aimi, Perosino, Galliani, Malan, Gallone, Cesaro, Battistoni, Siclari, Rizzotti, Gasparri, Mangialavori, Pagano, Caligiuri, Binetti, Caliendo, Pichetto Fratin, Cangini, Modena, Schifani, Rossi, Moles