• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/04722 (5-04722)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-04722presentato daLUCCHINI Elenatesto diMartedì 6 ottobre 2020, seduta n. 403

   LUCCHINI, CESTARI, MORRONE, BADOLE, D'ERAMO, PATASSINI, PAROLO, RAFFAELLI, VALBUSA e VALLOTTO. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

   l'autostrada regionale Cispadana dovrebbe collegare la rete viaria dalla barriera Ferrara-sud sull'A13 al casello Reggiolo-Rolo dell'A22. Il progetto, ipotizzato per rispondere alla richiesta di mobilità dell'area nord orientale della regione, attraverserebbe le province di Ferrara, Modena e Reggio Emilia e dovrebbe diventare un'alternativa al corridoio della via Emilia (A1-A14), intercettando le direttrici A1-A15 (Autocisa), dell'A22 e dell'A13, portando benefìci ai viaggiatori in termini di percorrenza, costi e viabilità;

   lo scopo è quello di alleggerire il traffico sulla via Emilia e sull'Autostrada del Sole, quotidianamente congestionate, evitando il passaggio da Bologna;

   l'infrastruttura, lunga 67 chilometri e a due corsie per senso di marcia più una di emergenza, interessa 13 comuni, Reggiolo, Rolo, Novi, Concordia, San Possidonio, Mirandola, Medolla, San Felice sul Panaro, Finale Emilia, Ferrara, Cento, Sant'Agostino e Poggio Renatico, e coinvolge, con la viabilità complementare Parma, Torrite, Sorbolo, Mezzani, Luzzara, Brescello e Bondeno; sono previste 4 autostazioni e 2 aree di servizio;

   l'uso del condizionale è d'obbligo considerando che il progetto risale al lontano 1986, ma solo nel 2010 si concluse l'iter di gara con l'aggiudicazione della concessione al promotore. La procedura stabilì, a quanto consta all'interrogante, la concessione per 49 anni, di una partecipazione finanziaria pubblica della regione di 179.700.000 euro e l'esecuzione dei lavori in 44 mesi per un investimento complessivo di 1.158.720.00 euro; inoltre, venne costituita la società di progetto Autostrada regionale cispadana spa che subentrò all'associazione temporanea di imprese aggiudicataria della gara;

   oggi, la Cispadana dovrebbe essere una realtà se annunci, impegni e promesse fossero stati onorati in questi anni, considerando che la società ha un consiglio di amministrazione in carica;

   l'articolo 5-bis del decreto-legge cosiddetto «sblocca-Italia», decreto-legge n. 133 del 2014, ha previsto la possibilità del subentro dello Stato alla regione nei rapporti col concessionario della Cispadana, previa verifica da parte del Cipe del piano finanziario dell'opera;

   l'autostrada Cispadana, sottoposta da tempo all'attenzione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dalla regione, come priorità infrastrutturale, è diventata fondamentale nell'attuale fase emergenziale per un concreto rilancio all'attività industriale ed economica dell'Emilia Romagna e del Paese –:

   se il Cipe abbia effettuato le verifiche ipotizzate dalla legge e se il Ministro interrogato intenda chiarire se il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti subentrerà alla regione nelle funzioni di concedente, chiarendo altresì se a causa di inerzie dello Stato sia stato bloccato il prosieguo dell'iter della realizzazione dell'opera.
(5-04722)