• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/02491 QUAGLIARIELLO - Al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo. - Premesso che, a quanto risulta all'interrogante: il 16 novembre 2019, presso una casa d'asta tedesca,...



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 077
all'Interrogazione 4-02491

Risposta. - Sulla base degli elementi forniti dalla Direzione generale Archivi e dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica del Lazio, si rappresenta quanto segue.

La Soprintendenza, pur non essendo in possesso di alcuna notizia relativa all'archivio dell'artista, ha contattato il Polo culturale del Ministero dello sviluppo economico dove un nucleo di 22 esemplari di bozzetti di Mezzana, relativi alla serie ordinaria "Italia al Lavoro" emessa il 1° ottobre 1952 dal Ministero delle poste e telecomunicazioni, risulta conservato presso il Museo storico della comunicazione.

La natura di tali bozzetti, di proprietà del Ministero dello sviluppo economico, è riconducibile al complesso di opere prodotte da artisti che hanno partecipato, nel corso del tempo, ai concorsi filatelici promossi con la collaborazione della Consulta filatelica per la selezione di opere da impiegare per la emissione di carte valori.

Il nucleo di tali opere, pertanto, deve intendersi come documentazione statale prodotta dal Ministero nell'esercizio delle sue funzioni.

Diverso il caso dei bozzetti inseriti nel catalogo della Sudphila Peter Feuser Auktionen di Stoccarda e posti in asta (la n. 91/II) il 16 novembre 2019: si tratta di 151 lotti di francobolli e di materiali preparatori realizzati dall'artista romano.

Il Ministero, che ha escluso tale materiale come proveniente dal proprio archivio, li riconduce all'attività di studio preparatorio per la realizzazione di bozzetti di francobolli da parte di Mezzana.

Pur rivestendo un indubbio valore artistico, culturale e storico, tale nucleo di opere non appare quindi appartenente allo Stato, né rivendicabile.

Il Ministero ha proceduto, nei giorni precedenti all'asta, a valutare l'ipotesi di un acquisto del lotto per integrare con materiali accessori il proprio patrimonio, ma non ha ritenuto opportuno dare corso all'iniziativa.

ORRICO ANNA LAURA Sottosegretario di Stato per i beni e le attività culturali e per il turismo

09/09/2020