• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/03593 (4-03593)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Martedì 4 agosto 2020
nell'allegato B della seduta n. 386
4-03593
presentata da
SAVINO Sandra

  Risposta. — La questione afferisce alla scelta della data, da parte di una autorità locale, tesa a commemorare il centenario della «impresa di Fiume» da parte di Gabriele D'Annunzio. Come noto, la figura di D'Annunzio sul piano storico e letterario è stata oggetto di approfonditi studi in Italia, mentre a livello internazionale le relative risultanze potrebbero non essere ancora state elaborate o tradotte e le valutazioni e le sensibilità possono differire per la diversa angolazione storica.
  In tale ambito, di particolare significato sono i progetti storici afferenti al tema dell'esodo giuliano-dalmata realizzati a valere sulla legge n. 72 del 2001, seguita da questa Amministrazione in costante raccordo con la «Federazione delle associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati».
  La protesta menzionata nell'interrogazione fa riferimento a un fatto specifico avvenuto a livello locale e che si colloca nell'ambito di complessivi eccellenti rapporti bilaterali in campo politico, economico, culturale e commerciale, di cui l'incontro tra il Presidente del Consiglio Conte e il primo ministro Plenkovic del 18 dicembre scorso è testimonianza.
  I rapporti tra i due Paesi presentano infatti caratteristiche di unicità e specialità, connesse anche alla presenza in Croazia della comunità autoctona italiana e dal positivo ruolo svolto dalla «Federazione delle associazioni degli esuli istriani, fiumani e dalmati» nell'approfondire e nello sviluppare ulteriormente, anche sul piano della memoria, le relazioni bilaterali che oggi si collocano nel più ampio quadro dell'Unione europea, di cui la stessa Croazia ha assunto, come noto, la Presidenza dal 1° gennaio 2020.
Il Sottosegretario di Stato per gli affari esteri e la cooperazione internazionale: Ivan Scalfarotto.