• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/04361 (5-04361)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-04361presentato daGELMINI Mariastellatesto diMercoledì 15 luglio 2020, seduta n. 372

   GELMINI, BAGNASCO, MULÈ, CASSINELLI, CORTELAZZO, RUFFINO, CASINO, LABRIOLA e MAZZETTI. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

   la rete autostradale ligure è interessata in queste settimane, su indicazione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, da un piano di manutenzione, monitoraggio ed ispezione delle gallerie che sta creando notevoli disagi agli utenti che percorrono la tratta, con ingorghi di traffico pesantissimi e inaccettabili che creano estremo disagio alla popolazione, costringendo in alcuni casi la protezione civile ad intervenire per portare soccorsi;

   il suddetto piano di manutenzione, monitoraggio ed ispezione sta inoltre arrecando gravissimi danni al sistema economico, turistico e logistico della Liguria, già messi a dura prova dal crollo del viadotto Morandi e dall'emergenza sanitaria da Covid-19;

   l'attuale situazione crea rilevanti difficoltà di spostamento anche alle autoambulanze e ai mezzi di soccorso che devono percorrere l'autostrada, con serio e concreto rischio di mettere in pericolosa causa dei ritardi derivanti dal formarsi di code e rallentamenti, la vita dei pazienti per cui si richiedono interventi d'emergenza;

   proprio a causa degli ingorghi eccezionali un gigante della logistica navale come Cosco shipping lines è arrivata a sconsigliare vivamente i propri clienti dall'utilizzare il porto di Genova con il rischio di produrre un danno economico gravissimo al porto e alla città già fortemente colpita dal crollo del ponte Morandi;

   il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti aveva indicato il 10 luglio 2020 quale data per l'ultimazione dei cantieri critici;

   la prosecuzione delle ispezioni nelle modalità imposte dal Ministero potrebbe però continuare a provocare disagi anche oltre il mese di luglio, come affermato da Autostrade per l'Italia s.p.a.;

   attualmente è di fatto compresso il diritto alla mobilità dei cittadini, oltre che la possibilità per numerose imprese di svolgere a pieno la propria attività, e praticamente poco o nulla è stato fatto per aumentare il trasporto pubblico locale e alleviare i disagi ai cittadini e agli utenti –:

   cosa si stia facendo per alleviare i disagi pesantissimi conseguenti al lavoro di ispezione e manutenzione sulle infrastrutture viarie, con sostanziale blocco di parte della viabilità ligure in un'area già messa a dura prova dal crollo del viadotto Morandi e dall'emergenza sanitaria da Covid-19, quando sia prevista la conclusione dei lavori, e se non si intenda sostenere le popolazioni interessate anche adottando iniziative per prevedere agevolazioni tariffarie relativamente ai pedaggi nelle tratte liguri delle autostrade A7, A10 e A26.
(5-04361)