• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/01812/002 in sede di esame del disegno di legge recante: «Conversione in legge del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/1812/2 presentato da LEONARDO GRIMANI
mercoledì 24 giugno 2020, seduta n. 234

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge recante: «Conversione in legge del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»,
premesso che:
l'emergenza epidemiologica da Covid-19 si caratterizza per un'evoluzione che non può essere predeterminata ma che deve essere valutata mediante un controllo diacronico e costante da parte del Governo e delle amministrazioni territoriali;
all'esigenza di tutela della sicurezza e della salute rispetto alla diffusione del contagio deve essere accompagnata la necessità di preservare lo svolgimento delle attività produttive, economiche e sociali;
la chiusura delle predette attività nei mesi della fase più acuta ha fatto registrare un crollo catastrofico dell'economia nazionale, di gran lunga superiore a quello di qualsiasi altro periodo della storia repubblicana;
lo studio dell'evolversi dell'epidemia ha consentito di migliorare e potenziare l'attività di prevenzione e di cura del virus, sia da parte delle strutture sanitarie, sia da parte degli esercenti le attività economiche;
considerato che:
la natura senza precedenti dell'epidemia ha giustificato l'adozione di misure restrittive in un contesto emergenziale ma con l'evolversi della medesima è divenuto irrinunciabile il coinvolgimento delle istituzioni rappresentative sia a livello nazionale che territoriale e in primis del Parlamento;
altrettanto fondamentale è il coinvolgimento dei rappresentanti dei corpi intermedi, delle associazioni di categoria, dei ceti produttivi e delle parti sociali,
impegna il Governo:
a procedere al controllo dell'attuale e delle future fasi dell'emergenza epidemiologica in costante contatto con la Camere e all'informativa costante delle medesime attraverso la partecipazione dei propri rappresentanti ai lavori del Parlamento relativi all'emergenza epidemiologica e alla sua gestione con frequenza prestabilita, con il coinvolgimento delle istituzioni territoriali e dei rappresentanti delle categorie produttive economiche e sociali, al fine di pervenire da parte del Parlamento all'adozione di atti di indirizzo, che, udite le anzidette istituzioni territoriali e i rappresentanti delle categorie produttive, consentano al Governo, laddove sia necessario intervenire con atti normativi di natura non legislativa, di operare a seguito di un preventivo esame da parte del Parlamento e non unicamente con il coinvolgimento del Parlamento successivo all'adozione degli atti di natura non legislativa.
(numerazione resoconto Senato G1.56)
(9/1812/2)
Grimani, Sudano