• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/05925 (4-05925)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-05925presentato daSALTAMARTINI Barbaratesto diLunedì 8 giugno 2020, seduta n. 352

   SALTAMARTINI, CAPARVI e MARCHETTI. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

   dal 1° giugno 2020 è stata disposta da Anas la chiusura del viadotto Montoro, infrastruttura che insiste sulla strada statale 675 umbro-laziale, meglio nota come raccordo Terni-Orte e parte del tracciato europeo E45;

   Anas ha comunicato che la chiusura al traffico del viadotto si è resa necessaria per garantire la sicurezza della circolazione, in seguito agli approfondimenti tecnici che hanno evidenziato la necessità di un intervento urgente di ripristino strutturale su uno degli elementi del viadotto;

   il tratto di strada interessato consta di soli 210 metri, che risultano però essere di vitale importanza per la circolazione tra le regioni Umbria e Lazio; infatti, se la durata dell'intervento sarà prolungata nel tempo, rappresenterà una problematica seria che avrà conseguenze considerevoli sulla tenuta economica della regione, in particolare per quanto concerne i settori del turismo, dei trasporti e del commercio, già fortemente penalizzati dalla lunga fase di lockdown;

   altro tema importante è quello del raccordo con il porto di Civitavecchia, dopo il sequestro del viadotto Puleto, che ha causato gravissimi disagi nella parte nord della regione Umbria e il mancato completamento della Orte-Civitavecchia; questa nuova interruzione, di fatto isola sempre più Ast-Terni, che vive già un momento travagliato della sua storia e che non sarà certo agevolata nel suo auspicabile rilancio da problemi infrastrutturali di tale gravità;

   la chiusura del tratto in questione sta causando anche notevoli difficoltà ai comuni interessati dalla deviazione del traffico veicolare, in particolare Terni e Narni, tanto in termini di congestione della circolazione stradale, dovuta in particolare al transito dei mezzi pesanti, quanto creando di fatto situazioni di disagio e pericolo per cittadini residenti e lavoratori –:

   quali iniziative intenda adottare il Ministro interrogato per risolvere il problema, quali siano i tempi che Anas stima per realizzare l'intervento necessario a restituire ai cittadini l'importante asse viario e se non ritenga di adottare iniziative per inserire tali lavori nell'elenco delle opere pubbliche da realizzare secondo il modello Genova, consentendo, pur in sicurezza e trasparenza, di abbattere ogni barriera burocratica, velocizzando le procedure e completando i lavori in tempi rapidi.
(4-05925)