• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02461-AR/2 ...    premesso che:     il provvedimento in esame reca disposizioni in materia di salute e lavoro;     il Governo ha emanato misure di contenimento via via crescenti...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02461-AR/205presentato daCORTELAZZO Piergiorgiotesto diMartedì 26 maggio 2020, seduta n. 347

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame reca disposizioni in materia di salute e lavoro;
    il Governo ha emanato misure di contenimento via via crescenti volte alla riduzione dei contagi da COVID-19, tali misure per gran parte delle attività industriali e commerciali hanno significato una sensibile riduzione dei flussi di lavoro e di fatturato previsti;
    tali misure hanno avuto un impatto profondo subordinarlo svolgimento delle attività quotidiane delle imprese, con lo scopo di ridurre le occasioni di contagio. In particolare, esse, hanno mostrato di impattare sulla capacità produttiva delle imprese, nonché sul normale svolgimento delle attività esercenti avendo inciso significativamente sull'utilizzo della forza lavoro se solo si pensa che in aprile sono state utilizzate quasi 900 milioni di ore CIG;
    alla compressione dei flussi di lavoro e l'inattività protrattasi per mesi per decine di piccole e medie imprese, alcune delle quali non hanno ancora ripreso l'attività a fronte delle stringenti prescrizioni cui è vincolata la riapertura, non ha tuttavia fatto seguito una sensibile e proporzionale riduzione del carico fiscale gravante sulle imprese;
    come ben noto, infatti, le scadenze fiscali sono state semplicemente prorogate, spesso in maniera insufficiente. È il caso del pagamento dei premi INAIL (premi di natura assicurativa !) sospesi fino al 30 giugno solamente al rispondere di precisi criteri dimensionali e avendo, in ogni, caso il contribuente l'onere di dimostrare una diminuzione di fatturato di oltre il 25 per cento come previsto dall'articolo 18 del decreto-legge n. 23 del 2020 e dalla Circolare esplicativa INPS 1754/2020;
    contrariamente all'indirizzo espresso nei provvedimenti citati, numerose compagnie assicurative private, in ragione della sospensione delle attività hanno disposto la proporzionale riduzione dei pagamenti relativi ai propri premi assicurativi, equamente considerato alla luce dell'emergenza sanitaria ed economica che migliaia di imprese stanno attraversando,

impegna il Governo

a valutare, alla luce di quanto esposto in premessa, l'opportunità di adottare ogni ulteriore iniziativa normativa, che consenta per ragioni di equità fiscale, non già la semplice sospensione e proroga delle scadenze fiscali legate alle premialità INAIL, bensì la loro proporzionale riduzione.
9/2461-AR/205. Cortelazzo, Baratto.