• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03574 (5-03574)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-03574presentato daCATTANEO Alessandrotesto diMercoledì 12 febbraio 2020, seduta n. 303

   CATTANEO, BERGAMINI, GIACOMONI, MARTINO, BARATTO, ANGELUCCI, GIACOMETTO e PORCHIETTO. — Al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

   nella recente edizione di «Telefisco 2020» svolta il 30 gennaio 2020 l'Agenzia delle entrate ha affermato che i corsi svolti dalle scuole guida ai fini dell'ottenimento delle patenti di categoria «A» sono soggette all'imposizione ai fini Iva;

   l'interpretazione fornita dall'Agenzia delle entrate appare in evidente contrasto con la normativa vigente, come da ultimo modificata dall'articolo 32 del decreto-legge n. 124 del 2019 (cosiddetto decreto fiscale), come convertito dalla legge n. 157 del 2019;

   la novella apportata dall'articolo 32 del decreto-legge n. 124 del 2019, all'articolo 10, primo comma, numero 20), del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972 esclude dal regime di esenzione Iva il solo insegnamento della guida automobilistica finalizzata al conseguimento delle patenti di guida per i veicoli delle categorie B e C1;

   il fatto che il legislatore abbia voluto escludere dal regime di esenzione Iva le sole lezioni per il conseguimento delle patenti di guida B e C1, mantenendo invece invariato il regime di esenzione per le altre lezioni impartite dalle scuole guida, quali quelle per il conseguimento della patente A, risulta evidente sia dalla lettera della norma dell'articolo 32 del decreto-legge n. 124 del 2019, come convertito dalla legge n. n. 157 del 2019, sia dagli atti parlamentari relativi all'esame e alle modifiche apportate al predetto articolo nel corso dell’iter svolto in prima lettura presso la Camera dei deputati –:

   se, alla luce della normativa vigente, gli insegnamenti per l'ottenimento delle patenti di categoria «A» debbano considerarsi esenti dall'imponibilità IVA.
(5-03574)