• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03584 (5-03584)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-03584presentato daD'UVA Francescotesto diMercoledì 12 febbraio 2020, seduta n. 303

   D'UVA e GIOVANNI RUSSO. — Al Ministro della difesa. — Per sapere – premesso che:

   la Marina militare è impegnata in numerose e importanti missioni internazionali. Tra queste, «Mare sicuro», «Eunavfor Med – operation Sophia», «Atalanta», fondamentali non solo per la difesa e la sicurezza nazionale, ma anche per sottolineare in Europa la presenza dell'Italia nel Mediterraneo;

   nonostante gli ottimi risultati ottenuti con le citate missioni, l'attuale forza di 29 mila uomini e donne non risulta sufficiente e, per numero di equipaggi, la Marina militare italiana presenta il valore minimo in tutta l'Unione europea tra le tre Forze armate;

   la situazione, allarmante per il grado di stress a cui sono sottoposti i militari italiani in mare, impone una seria riflessione, non solo sugli obiettivi generali sulle Forze armate, previsti dalla legge 31 dicembre 2012, n. 244, che prevede la riduzione fino a 150.000 unità di personale militare delle tre Forze armate entro il 2024, ma anche sulla percentuale di organico militare da assegnare alla Marina;

   infatti, per il ruolo strategico che questa Forza armata attualmente assume per la sicurezza del Mediterraneo, sarebbe necessario portare i suoi effettivi almeno a 30 mila unità, in modo da consentire al personale impegnato in lunghe missioni e navigazioni, di avere tempi di ripresa e non dover esser rimbarcati immediatamente in altre missioni in mare –:

   se intenda intraprendere iniziative di competenza volte a una rimodulazione della percentuale di unità di personale militare in dotazione alla Marina militare.
(5-03584)