• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03401 (5-03401)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-03401presentato daRIZZETTO Waltertesto diMercoledì 15 gennaio 2020, seduta n. 289

   RIZZETTO. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. — Per sapere – premesso che:

   la Safilo Group s.p.a., azienda italiana che produce e distribuisce occhiali, controllata dal 2009 dal fondo olandese Hal, ha recentemente approvato un piano industriale, che prevede, tra l'altro, un drammatico ridimensionamento delle attività italiane;

   la società ha annunciato che, nel 2020, procederà a ben 700 esuberi su 2600 dipendenti;

   a pagare il prezzo più alto del piano industriale in questione, è lo stabilimento di Martignacco (Udine), di cui è prevista la chiusura e l'esubero dei suoi 250 dipendenti, nonostante sia considerato il più performante per efficienza e produttività;

   tra i sindacati e i vertici di Safilo ci sono stati degli incontri per trattare degli esuberi e del destino dell'impianto di Martignacco, ma non sono andati a buon fine;

   in particolare, rispetto allo stabilimento friulano non è stata registrata alcuna apertura da parte di Safilo sulla possibilità di attivare dei contratti di solidarietà o strumenti alternativi per tutelare i lavoratori che rischiano la perdita del posto di lavoro;

   il 16 gennaio 2020 si terrà un incontro al Ministero dello sviluppo economico su tale vertenza;

   bisogna scongiurare la chiusura dello stabilimento di Martignacco e mantenere i livelli occupazionali. Se fosse portato a termine il piano di esuberi, esso avrebbe inevitabilmente gravi ricadute nei territori interessati: oltre al Friuli, i pesanti tagli riguardano lo stabilimento di Padova, dove sono a rischio 50 lavoratori e quello di Longarone (Belluno) con 400 esuberi;

   vanno adottate, in ogni caso, specifiche iniziative a tutela dei lavoratori e occorre porre in essere ogni utile iniziativa affinché, quanto meno, si ricorra a degli ammortizzatori sociali;

   non si possono consentire i drammatici effetti sociali del piano industriale adottato da Safilo, anche considerando che quello dell'occhialeria è un settore che di certo non è in crisi –:

   se e quali iniziative intenda assumere il Ministro interrogato, per quanto di competenza, per tutelare i lavoratori di Safilo che rischiano il posto di lavoro.
(5-03401)