• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.2/00055 CASTIELLO - Ai Ministri dell'interno, per i beni e le attività culturali e per il turismo e delle infrastrutture e dei trasporti. - Premesso che: l'ambito territoriale comprensivo del...



Atto Senato

Interpellanza 2-00055 presentata da FRANCESCO CASTIELLO
martedì 14 gennaio 2020, seduta n.180

CASTIELLO - Ai Ministri dell'interno, per i beni e le attività culturali e per il turismo e delle infrastrutture e dei trasporti. - Premesso che:

l'ambito territoriale comprensivo del convento francescano e della chiesa di Santa Maria delle Grazie a Pollica (Salerno) non ricade in alcuna perimetrazione del vigente piano stralcio per l'assetto idrogeologico adottato dal comitato istituzionale dell'Autorità di bacino regionale Campania sud con delibera n. 9 del 5 aprile 2016; esso non è campito a "rischio frana" e nemmeno a "pericolosità frana", come si vede nella tavoletta 519011 della raccolta della stessa Autorità;

il convento francescano e la chiesa di Santa Maria delle Grazie, la quale appartiene al fondo edifici di culto, seppur edificati in epoca coeva, non costituiscono un'unica unità strutturale ma, piuttosto, rappresentano un aggregato edilizio costituito da due fabbricati addossati l'uno all'altro;

i due edifici, catalogabili come singole unità strutturali, si differenziano per continuità verticale, tipologia costruttiva e materiali utilizzati. Essi, edificati in posizione adiacente, sono giuntati (a quote sfalsate) lungo il lato perimetrale della chiesa che affaccia a sud;

la chiesa, che si presenta a navata unica ed è costituita (al suo interno) da quattro altari su ciascuna parete laterale, oltre all'altare maggiore, è stata oggetto (nel recente passato) di un intervento di ristrutturazione edilizia, a carattere conservativo, che ha riguardato principalmente la sostituzione del vecchio tetto di copertura (costituito da armatura principale e secondaria in materiale ligneo) con un nuovo tetto a struttura precompressa;

anche il contiguo convento è stato oggetto di rilevanti interventi di ristrutturazione che hanno riguardato principalmente le opere di fondazione; interventi che hanno provocato dissesti strutturali (lesioni passanti) nella volta che collega il convento stesso alla chiesa, la quale, per tale ragione, è stata purtroppo chiusa al pubblico,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo ritengano opportuno che sia disposta la verifica delle condizioni di sicurezza strutturale (statica e vulnerabilità sismica) della chiesa, in conformità a quanto contenuto nel capitolo 8 del decreto ministeriale 17 gennaio 2018, relativo all'aggiornamento delle "Norme tecniche per le costruzioni", e nel capitolo 8 della circolare 21 gennaio 2019, n. 7, del Consiglio superiore dei lavori pubblici, valutando separatamente le sole condizioni gravitazionali prevalenti (condizione non sismica) e delle condizioni sismiche;

se si intenda valutare la cessione della chiesa da parte del fondo edifici di culto alla diocesi di Vallo della Lucania che, a quanto risulta all'interpellante, sarebbe ben disposta ad accollarsi gli oneri di messa in sicurezza e restauro della chiesa stessa nella quale sono presenti, tra l'altro, pregevoli dipinti di Nicola Malinconico, di fine secolo XVII.

(2-00055)