• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/01296 STEFANO, CIRINNA', ALFIERI, ASTORRE, FEDELI, PARRINI, LAUS, BITI, VALENTE, MESSINA Assuntela, FERRAZZI, PINOTTI, MANCA, IORI, ROJC, BOLDRINI, D'ARIENZO - Al Ministro delle politiche agricole...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-01296 presentata da DARIO STEFANO
mercoledì 8 gennaio 2020, seduta n.179

STEFANO, CIRINNA', ALFIERI, ASTORRE, FEDELI, PARRINI, LAUS, BITI, VALENTE, MESSINA Assuntela, FERRAZZI, PINOTTI, MANCA, IORI, ROJC, BOLDRINI, D'ARIENZO - Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. - Premesso che:

i commi 6 e 7 dell'art. 48 della legge n. 238 del 2016 dispongono che i vini con denominazione DOCG e DOC devono essere immessi al consumo muniti di uno speciale contrassegno stampato dall'Istituto poligrafico e Zecca dello Stato o da tipografie autorizzate;

il comma 9 rimanda a un successivo decreto ministeriale la definizione delle caratteristiche, delle diciture e delle modalità per la fabbricazione, l'uso, la distribuzione, il controllo e il costo dei contrassegni;

ad oggi, il decreto non è stato ancora emanato e pertanto l'Istituto poligrafico si trova a produrre in regime di monopolio,

si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuna la sollecita emanazione del decreto di cui al comma 9 dell'art. 48 della legge n. 238 del 2016, chiarendo altresì che non sussiste più alcuna riserva per il solo Istituto poligrafico e Zecca dello Stato per la stampa dei contrassegni per i vini DOCG e DOC.

(3-01296)