• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03339 (5-03339)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-03339presentato daFICARA Paolotesto diVenerdì 3 gennaio 2020, seduta n. 283

   FICARA. — Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere - premesso che:

   Open Fiber S.p.a., società il cui assetto azionario è costituito da una parteciparne paritetica tra Enel spa e CdP Equity S.p.A. società del gruppo Cassa depositi e prestiti (società per azioni controllata dal Ministero dell'economia e delle finanze), ha avviato un piano per la realizzazione di un'infrastruttura in fibra ottica, su scala nazionale, provvedendo alla realizzazione della rete in fibra ottica, o mediante un investimento privato, stipulando apposite convenzioni con i comuni interessati dagli interventi o con un finanziamento pubblico nelle cosiddette «zone bianche» – cioè aree individuate come «a fallimento di mercato» – in quanto operatore individuato come concessionario all'esito di procedure di gara avviate da Intratel S.p.a. (soggetto in house del Ministero dello sviluppo economico);

   il decreto 1° ottobre 2013 del Mise, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 244 del 17 ottobre 2013 – serie generale, detta le specifiche tecniche delle operazioni di scavo e ripristino per la posa di infrastrutture digitali nelle infrastrutture stradali;

   alcuni comuni, tra i quali ad esempio Lecce, con cui Open Fiber ha operato in convenzione, lamenterebbero la non corretta esecuzione dei lavori di ripristino a seguito degli scavi per la posa dei cavi, anche se, dal canto suo, Open Fiber replica che i lavori sarebbero conformi alla normativa («decreto fibra», «decreto scavi» e altro) che prescrive le modalità d'intervento della posa dei cavi e dei ripristini in ogni dettaglio;

   anche il comune di Busto Arsizio non sarebbe soddisfatto dell'operato della società, tanto che il sindaco pare abbia chiesto agli uffici comunali di attivarsi per procedere con l'escussione della fideiussione che Open Fiber ha versato a garanzia;

   ancora, per esempio, è del 14 dicembre 2019 la notizia dell'episodio del danneggiamento della rete idrica in sei punti diversi nel comune di Messina, che avrebbe portato il sindaco ad emanare un'ordinanza con cui ferma d'imperio i lavori che Openfiber da mesi effettua in città per il passaggio della fibra ottica. Secondo l'ordinanza, infatti, sarebbero molte le colpe ascrivibili alla società, la quale, oltre a non aver eseguito un'idonea indagine georadar preventiva, per cui continuerebbe a causare diversi ed ingenti danni alle infrastrutture, non collocherebbe nei tempi previsti la necessaria segnaletica di divieto di sosta con zona rimozione coatta, con indicato il periodo di validità, creando intralcio e confusione per la viabilità; inoltre non delimiterebbe idoneamente le aree di intervento e non collocherebbe la necessaria segnaletica stradale e idonei dispositivi luminosi, così come previsto dal codice della strada. Inoltre, non adotterebbe, durante gli interventi, le precauzioni necessarie a salvaguardia della pubblica incolumità, movimentando i mezzi di cantiere sulla sede viaria contestualmente al transito veicolare e pedonale;

   in data 15 gennaio 2019, il gruppo M5S all'Assemblea regione siciliana ha depositato l'interrogazione n. 653, con la quale richiedeva chiarimenti sulla regolarità della condotta di Open Fiber S.p.a. –:

   se i Ministri interrogati siano a conoscenza di quanto sopra riportato e se non ritengano opportuno adottare iniziative di competenza, anche attraverso un controllo generalizzato sulla conformità dei lavori per la posa di infrastrutture digitali nelle infrastrutture stradali, rispetto al decreto 1° ottobre 2013 del Mise e, più in generale rispetto alla normativa di riferimento, anche al fine di tutelare la sicurezza delle persone e dei luoghi interessati dagli interventi in questione, indubbiamente compromessa, qualora le condotte segnalate venissero accertate.
(5-03339)