• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02305/252    premesso che:     il livello di finanziamento del Fondo sanitario nazionale, per invarianza di quanto già stanziato con la legge di bilancio 2019, è incremento di 2 miliardi...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02305/252presentato daBOLOGNA Fabiolatesto diLunedì 23 dicembre 2019, seduta n. 282

   La Camera,
   premesso che:
    il livello di finanziamento del Fondo sanitario nazionale, per invarianza di quanto già stanziato con la legge di bilancio 2019, è incremento di 2 miliardi e ulteriori due miliardi sono destinati anche per l'edilizia sanitaria; dal 1o settembre 2020 è abolito il superticket ed altresì previsto uno stanziamento di oltre 235 milioni per dotare gli studi dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta di strumenti per la diagnostica di primo livello;
    il disegno di legge in esame prevede altresì la revisione del sistema di compartecipazione alla spesa sanitaria anche al fine di ridurre le iniquità che a volte caratterizzano il nostro sistema sanitario;
    al fine di garantire l'equità distributiva attraverso un efficace sistema di remunerazione e adeguati livelli della qualità dei servizi erogati, nonché al fine di ridurre l'utilizzo inappropriato delle risorse del SSN e i casi di scelta delle procedure di selezione dei pazienti, sulla base dei casi meno complessi ovvero in base all'attribuzione di tariffe più remunerative, occorre intervenire nel nostro sistema sanitario anche con una ridefinizione del sistema dei Diagnosis Related Groups (DRG) quale classificazione dei ricoveri ospedalieri e delle prestazioni ambulatoriali e territoriali nell'ambito del Servizio sanitario nazionale (SSN), anche nell'ottica di collegare le tariffe anche ai risultati di qualità che vengono conseguiti e alla presa in carico complessiva del paziente (patient-based);
    il DRG è l'acronimo di «Diagnosis-Related Group», equivalente in italiano ai «Raggruppamenti Omogenei di Diagnosi» (ROD) e indica il sistema di retribuzione degli ospedali per l'attività di cura; in Italia, l'adozione del sistema dei DRG risale al 1994 ed è diventato uno strumento essenziale nelle attuali politiche sanitarie finalizzate al perseguimento LEA con risorse limitate;
    inizialmente il «Progetto Mattoni SSN» ha elaborato un percorso di revisione e di evoluzione del sistema di classificazione e codifica dei ricoveri ospedalieri che, a partire dal 2006, ha portato il Ministero della Salute, insieme alle Regioni, ad attivare l'aggiornamento periodico dei sistemi di classificazione dei ricoveri, delle diagnosi e delle procedure, aggiornamento avvenuto con i decreti 21 novembre 2005 e 18 dicembre 2008;
    nel marzo 2015 è poi stato presentato dal Ministero della salute un progetto per la definizione e la manutenzione di un sistema di misurazione e di valorizzazione dei prodotti degli ospedali che risponda alle esigenze informative specifiche della realtà ospedaliera italiana (Progetto It.DRG);
    allo stato attuale non sembra che tale ultimo progetto di revisione abbia raggiunto gli obiettivi sperati e nel sistema dei Diagnosis Related Groups (DRG) continuano a permanere rilevanti elementi di criticità con conseguente utilizzo inappropriato delle risorse del SSN, come ad esempio una scelta distorta delle procedure di selezione dei pazienti, sulla base dei casi meno complessi ovvero in base all'attribuzione di tariffe più remunerative,

impegna il Governo

a valutare l'opportunità di intraprendere idonee iniziative, anche normative, per ridefinire, eventualmente anche in via sperimentale, il sistema dei Diagnosis Related Groups (DRG) quale classificazione dei ricoveri ospedalieri e delle prestazioni ambulatoriali e territoriali nell'ambito del Servizio sanitario nazionale (SSN), collegando le tariffe anche ai risultati di qualità che vengono conseguiti e alla presa in carico complessiva del paziente (patient-based).
9/2305/252. (Testo modificato nel corso della seduta) Bologna, Nappi, Ianaro, Sarli, D'Arrando, Mammì, Lapia, Menga, Ianaro.