• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/01638/093 in sede di esame del disegno di legge recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/1638/93 presentato da PAOLO SAVIANE
martedì 17 dicembre 2019, seduta n. 176

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili", premesso che:
il farmaco talidomide fu venduto negli anni cinquanta e sessanta come sedativo e anti-nausea e venne successivamente ritirato dal commercio in seguito alla scoperta della teratogenicità di uno dei suoi enantiomeri. Molte donne trattate con talidomide, infatti, hanno dato alla luce neonati con gravi alterazioni congenite dello sviluppo degli arti, come amelia (assenza degli arti) o focomelia (riduzione delle ossa lunghe degli arti);
l'articolo 2, comma 363, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, ha riconosciuto in favore delle persone affette da sindrome da talidomide il diritto all'assegno mensile vitalizio di cui ali articolo 1 della legge 29 ottobre 2005, n, 229;
tuttavia, in sede di applicazione della norma, molte di queste persone non sono riuscite ad ottenere il riconoscimento dell'indennizzo dovuto entro il termine ultimo stabilito dal regolamento attuativo di cui al decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali 2 ottobre 2009, n, 163;
infatti, il regolamento attuativo sopra citato, ha richiesto, ai fini del riconoscimento dell'indennizzo, la produzione di documentazione sanitaria attestante la prescrizione del farmaco talidomide, senza tenere conto del notevole lasso temporale trascorso dalla sua commercializzazione, e ancora senza tenere conto del fatto che la documentazione in questione non fosse all'epoca neppure necessaria per l'assunzione di tale specialità medicinale, la cui somministrazione avveniva frequentemente in occasione delle visite presso il medico di famiglia,
impegna il Governo:
a valutate l'opportunità di riaprire il termine per la presentazione delle domande di riconoscimento dell'indennizzo di cui all'articolo 2, comma 363, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, in favore dei soggetti affetti da sindrome da talidomide;
a valutare l'opportunità di modificare il regolamento di cui al decreto del Ministro del lavoro della salute e delle politiche sociali 2 ottobre 2009, n, 163, nella parte in cui richiede la produzione di documentazione sanitaria attestante la prescrizione del farmaco talidomide ai fini de riconoscimento del suddetto indennizzo.
(numerazione resoconto Senato G45.101)
(9/1638/93)
Saviane, Montani, Siri, Bagnai