• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.9/01638/098 in sede di esame del disegno di legge recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/1638/98 presentato da PAOLO SAVIANE
martedì 17 dicembre 2019, seduta n. 176

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili", premesso che:
il decreto-legge in esame, durante l'esame in Commissione, all'articolo 46 ha introdotto la possibilità, per i comuni capoluogo di provincia che hanno avuto presenze turistiche in un numero venti volte superiore a quello dei residenti, di applicare la tassa di soggiorno nella misura dell'importo massimo di 10 euro per notte, mentre attualmente il limite massimo è di 5 euro;
il gettito della tassa di soggiorno, a norma dell'articolo 4 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, è destinato a finanziare interventi in materia di turismo, ivi compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali locali, nonché dei relativi servizi pubblici locali;
il settore turistico-alberghiero inevitabilmente viene toccato da tale incremento dell'imposta di soggiorno;
l'articolo 13-quater del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, il cosiddetto decreto crescita, convertito con modificazioni dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, è intervenuto con misure per il contrasto all'evasione nel settore turistico e il comma 2, in particolare, ha previsto che i dati relativi alle generalità delle persone alloggiate presso le Strutture ricettive, complicate dai gestori alla questura, siano fomiti dal Ministero dell'interno, in forma anonima e aggregata per struttura ricettiva, all'Agenzia delle entrate affinché siano resi disponibili, anche a fini di monitoraggio, ai comuni che hanno istituito l'imposta di soggiorno o il contributo di soggiorno,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di estendere la previsione dell'articolo 13-quater, comma 2, del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, il cosiddetto decreto crescita, convertito con modificazioni dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, anche alle locazioni brevi e prevedere, contestualmente che il Ministero dell'interno comunichi i relativi dati anche alle Province autonome di Trento e di Bolzano, oltre che ai comuni, al fine di avere un monitoraggio maggiore.
(numerazione resoconto Senato G46.100)
(9/1638/98)
Saviane, Montani, Siri, Bagnai