• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/04348 (4-04348)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-04348presentato daVIZZINI Gloriatesto diMartedì 17 dicembre 2019, seduta n. 279

   VIZZINI, GIANNONE, BENEDETTI e CUNIAL. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere – premesso che:

   come si evince da organi di stampa, nei giorni scorsi uno studente disabile, affetto da iperattività regressa con ritardo cognitivo e sospetto autismo, per il quale sono in corso gli accertamenti dei medici, è stato escluso dalla rappresentazione natalizia della sua classe e l'insegnante sembra si sia riservata di reinserirlo solo dopo un colloquio con la famiglia, la quale ha scoperto dell'esclusione solo attraverso una chat di Whatsapp;

   la classe fa parte di una scuola privata nel comune di Afragola, di cui gli organi di stampa non riportano la denominazione, ed è composta da 16 bimbi: 15 coinvolti nella rappresentazione e uno, lui, escluso. L'insegnante sembra si sia giustificata adducendo come motivazione dell'esclusione preventiva il carattere del bambino che non parla, non sta in fila e non partecipa;

   interpellata dai genitori, la dirigente scolastica avrebbe addotto come ulteriore giustificazione il fatto che il bambino non sia ancora stato inserito fra i destinatari delle misure della legge n. 104 del 1992 e per questo l'istituto ha il dovere di trattarlo come un bambino normale. Questo appare in contrasto con tutte le certificazioni e la diagnosi funzionale, che attestano la sua non autosufficienza, già in possesso dell'istituto;

   questo è l'ennesimo caso che pone l'accento sulla difficoltà degli istituti scolastici nel rapportarsi con famiglie di studenti disabili e sulla capacità di strutturare l'attività scolastica basandola sull'integrazione di questi bambini –:

   se il Ministro sia a conoscenza dei fatti sopracitati e quali iniziative di competenza intenda assumere per promuovere e favorire maggiore tutela e integrazione degli studenti disabili, al fine di evitare casi come quello di cui in premessa.
(4-04348)