• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.0/01638/017/ ... ad oggi sono ancora molti gli enti locali nei quali a seguito di eventi calamitosi gli abitanti dei relativi immobili si trovano, spesso a distanza di anni, nell'impossibilità di rientrare...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/1638/17/06 presentato da PAOLO SAVIANE
venerdì 13 dicembre 2019, seduta n. 150

Il Senato, premesso che:
ad oggi sono ancora molti gli enti locali nei quali a seguito di eventi calamitosi gli abitanti dei relativi immobili si trovano, spesso a distanza di anni, nell'impossibilità di rientrare all'interno delle proprie case, ma ciononostante sono ancora gravati dal pagamento delle imposte erariali locali e nazionali;
dal 14 giugno 2016 dodici famiglie di Bernareggio, nel Monzese, sono state costrette ad abbandonare le proprie abitazioni, a causa del collasso della strada che ha provocato danni ingenti agli immobili limitrofi;
la semi-implosione del condominio, derivante dallo smottamento e dalle bombe d'acqua, ha provocato un cedimento di un'area pari a 10 mila metri quadri, squarciando la strada e aprendo un cratere profondo quasi cinque metri;
il forte temporale della notte tra il 13 e il 14 giugno e il crollo del terreno hanno interessato anche un tratto di condotta fognaria di acque piovane;
ben 12 famiglie residenti nella palazzina al civico 52 di via Dante risultano ancora allontanate dalle loro abitazioni, dichiarate inagibili a causa dei numerosi danni subiti;
la strada era poi stata riaperta a dicembre 2017, ma si trattava ancora di un cantiere. Terminati gli interventi necessari per completare il progetto definitivo, si è proceduto con l'intervento per il ripristino integrale della via, che comporterà un lavoro di ripristino del materiale inerte idoneo nei primi 40 centimetri di strada su cui, una volta ricompattato, verrà ripristinato il tondo stradale e i tappetino di asfalto finale;
le famiglie interessate, oltre ad essere state sfiatiate e dimenticate, stanno continuando a pagare, in aggiunta all'affitto delle nuove abitazioni, anche il mutuo della vecchia abitazione e le ipoteche e le rate all'amministrazione di condominio;
le vittime coinvolte sono ancora in attesa che le istituzioni stabiliscano le esatte responsabilità;
l'accesso alla strada è impedito da reti e sbarramenti, i punti in cui il terreno è ceduto sono stati ricoperti con terriccio. I cartelli di lavori in corso sono datati giugno 2016 e ad oggi la situazione è rimasta invariata rispetto a tre anni fa;
ricordato che:
con atto di sindacato ispettivo n. 4-03411, tuttora giacente privo di risposta, il firmatario chiedeva al Governo di attivarsi per una soluzione volta alla sospensione del pagamento delle imposte locali e dei mutui per le vittime di calamità naturali,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di adottare ogni utile iniziativa per sostenere le vittime di calamità prevedendo l'ipotesi della sospensione dei mutui relativi alle abitazioni inagibili a seguito degli eventi calamitosi in premessa.
(0/1638/17/6)
Saviane, Montani, Siri, Bagnai