• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.3/01258 ASTORRE, ROSSOMANDO, CIRINNA', FEDELI, ROJC, FERRAZZI, MESSINA Assuntela, PITTELLA, GIACOBBE, NANNICINI, BOLDRINI, D'ARIENZO - Al Ministro per le politiche giovanili e lo sport. - Premesso...



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-01258 presentata da BRUNO ASTORRE
lunedì 9 dicembre 2019, seduta n.171

ASTORRE, ROSSOMANDO, CIRINNA', FEDELI, ROJC, FERRAZZI, MESSINA Assuntela, PITTELLA, GIACOBBE, NANNICINI, BOLDRINI, D'ARIENZO - Al Ministro per le politiche giovanili e lo sport. - Premesso che:

da quanto emerge da numerosi quotidiani on line e da diversi siti di informazione, l'amministratore delegato della lega calcio, durante una conversazione a margine del consiglio della lega calcio del 23 settembre 2019, avrebbe parlato di un non precisato prodotto il cui utilizzo consentirebbe di ridurre l'evidenza e la risonanza dei cori razzisti durante le manifestazioni sportive, in particolare durante le gare di calcio;

la registrazione, stralciata e trascritta, diffusa ormai sul web, farebbe riferimento ad alcuni accorgimenti tecnici per isolare quelle parti degli stadi da cui provengono insulti razzisti;

il razzismo nello sport, e più in particolare nel calcio, è un fenomeno che sta assumendo una diffusione e un'ampiezza davvero allarmante, andando a minare le fondamenta dello sport, ispirate ai principi del rispetto reciproco, della valorizzazione della persona, della tolleranza e dell'amicizia;

la procura federale della FIGC sta valutando l'ipotesi di aprire un'inchiesta sull'accaduto;

considerato che tutte le istituzioni, in particolar modo quelle più direttamente interessate e legate al mondo dello sport, dovrebbero favorire ancora di più il contrasto ai fenomeni di razzismo e di violenza che si manifestano nello sport e durante le manifestazioni sportive, con politiche e campagne mirate a consolidare e rafforzare nella coscienza collettiva il rifiuto verso pratiche e atteggiamenti che nulla hanno a che spartire con lo sport, con le sue regole e la sua etica,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di quanto riportato;

se e come intenda affrontare la questione con la lega calcio, e come intenda affrontare, più in generale, la questione legata dei fenomeni di intolleranza e razzismo nello sport;

se non reputi opportuno valutare l'ipotesi di una richiesta di dimissioni dalla carica di amministratore delegato della lega calcio.

(3-01258)