• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/02242/075    premesso che:     il provvedimento in esame reca disposizioni urgenti per il trasferimento di funzioni e per la riorganizzazione, tra gli altri, dei Ministeri per i beni e le...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/02242/075presentato daOSNATO Marcotesto diLunedì 18 novembre 2019, seduta n. 261

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame reca disposizioni urgenti per il trasferimento di funzioni e per la riorganizzazione, tra gli altri, dei Ministeri per i beni e le attività culturali e delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo;
    tra le mission del provvedimento, vi è la necessità di conferire una visione unitaria alla promozione dell'interesse nazionale all'estero;
    il turismo e l'indotto che ne consegue, rappresentano una quota considerevole del PIL nazionale, stimata in circa il 5,4 per cento del PIL totale del sistema Paese;
    in Italia, culla del turismo, Nazione ove ha sede oltre il 50 per cento del patrimonio artistico mondiale secondo le stime UNESCO, le competenze in materia di turismo a livello nazionale vengono esercitate dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, attraverso il competente Dipartimento del turismo;
    con il decreto-legge 21 settembre 2019 n. 104, sono state trasferite in virtù del disposto del comma 1 dell'articolo 1 al Ministero per i beni e le attività culturali le funzioni esercitate in materia di turismo dal Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo;
    nella proposta di legge di conversione del decreto-legge n. 104 del 2019 il comma 1 dell'articolo 1 non ha subito modifiche;
    appare non più rinviabile la costituzione di un Ministero delle politiche turistiche e della promozione nazionale, che svolga funzioni e compiti in materia di turismo, attraverso la promozione e la valorizzazione della filiera turistica nazionale, in coordinamento con le Regioni, con l'Unione europea e con l'Agenzia nazionale del turismo (Enit);
    nella legge di conversione, al comma 13 lettera e) dell'articolo 1 non viene inoltre neppure prevista una consultazione con l'Enit da parte del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo,

impegna il Governo

a prevedere l'eventualità di una consultazione tra il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e l'Agenzia nazionale del turismo – Enit – per tutti gli aspetti inerenti alla programmazione, al coordinamento e alla promozione delle politiche turistiche nazionali, ai rapporti con le Regioni e alla predisposizione e redazione dei progetti di sviluppo del settore turistico, anche a livello UE.
9/2242/75. Osnato, Prisco, Donzelli.