• Testo della risposta

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03072 (5-03072)



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata Mercoledì 6 novembre 2019
nell'allegato al bollettino in Commissione XIII (Agricoltura)
5-03072

  Signor Presidente, Onorevoli deputati,
  evidenzio in via preliminare che, sulla scorta di specifica richiesta di informazioni formulata al Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA), sono state offerte le seguenti argomentazioni che mi accingo a riportare.
  Per l'attuazione della procedura di stabilizzazione del personale precario prevista dall'articolo 20 del D.lgs. n. 75/2017 sono state stanziate a favore del CREA, dalla Legge di bilancio, apposite risorse per il triennio 2018-2020: 10 milioni di euro per il 2018, 15 milioni di euro per il 2019, 20 milioni di euro per il 2020.
  La procedura di stabilizzazione è stata avviata nel 2018 nel rispetto dell'Atto Interno adottato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 31 del 29 maggio 2018 recepito successivamente dal Piano di fabbisogno di personale 2018-2020, approvato dal Ministero vigilante unitamente al Piano triennale di attività, con decreto del Ministro n. 9287 del 27 settembre 2018.
  I candidati hanno presentato istanza per partecipare alla procedura di stabilizzazione sulla base dei requisiti posseduti e, in esito alle verifiche effettuate da parte delle Commissioni esaminatrici appositamente costituite, sono stati inseriti in distinti elenchi: idonei in servizio con qualunque tipologia di contratto alla data del 22 giugno 2017; idonei in servizio con qualunque tipologia di contratto tra il 23 giugno 2017 ed il 31 dicembre 2017; idonei non in servizio né alla data del 22 giugno 2017 né nel periodo dal 23 giugno 2017 fino al 31 dicembre 2017.
  Per i candidati in possesso dei requisiti di cui sopra, l'Atto interno ha stimato la disponibilità finanziaria per stabilizzare un potenziale di circa 402 unità di personale, nonché lo stanziamento di risorse per ulteriori 35 unità di personale.
  La procedura prevista dal comma 2 del decreto legislativo n. 75 del 2017, tuttora in itinere, prevede anch'essa la predisposizione di tre distinti elenchi: idonei in servizio alla data del 22 giugno 2017; idonei in servizio tra il 23 giugno 2017 ed il 31 dicembre 2017; idonei non in servizio né alla data del 22 giugno 2017 né nel periodo dal 23 giugno 2017 fino al 31 dicembre 2017.
  Pertanto, rispetto ai potenziali 542 aventi diritto, l'Ente ha stimato la possibilità in base alla disponibilità finanziaria di stabilizzare 402+35 unità di personale nel 2018, rinviando la valutazione circa l'eventuale assunzione di ulteriori idonei alla fine del 2019, dopo aver rivalutato l'indicatore di cui all'articolo 9 del decreto legislativo n. 218 del 2016 e la relativa copertura finanziaria.
  Ad oggi l'Ente ha proceduto alla fine del 2018 – e con decorrenza 1° gennaio 2019 – ad assumere, con contratto di lavoro a tempo indeterminato nei profili e nei livelli risultanti dagli elenchi predisposti dalla Commissione 406 candidati risultati idonei alla procedura di stabilizzazione ai sensi dell'articolo 20 comma 1 D.lgs. 75/2017, il cui costo annuo lordo presunto ammonta, per il 2019, a 21.202.057 euro.
  Su autorizzazione di questa Amministrazione, l'importo di 10 milioni di euro – autorizzato per l'anno 2018 e non utilizzato nello stesso anno – è stato mantenuto in bilancio per il 2019 e si somma ad ulteriori 10 milioni di euro (rispetto ai 15 previsti dalla legge 205/2017 ed erogati parzialmente) che sono stati resi disponibili per il 2019. In totale, pertanto, nel 2019 l'Ente dispone di 20 milioni di euro finalizzati alla stabilizzazione del personale precario.
  In considerazione di quanto sopra esposto, già nel 2019 l'Ente sosterrà un costo maggiore dell'importo di 20 milioni di euro autorizzato a regime per la stabilizzazione del personale precario.
  Inoltre, in virtù degli adeguamenti stipendiali e dell'applicazione del meccanismo dei passaggi di fascia stipendiale del personale inquadrato con profilo di ricercatore e tecnologo, previsti dalle norme contrattuali applicabili all'Ente, il costo delle 406 unità già assunte è destinato ad aumentare già a partire dal 2020.
  L'analisi condotta dalla nuova gestione commissariale – che ha verificato preliminarmente la sostenibilità finanziaria a lungo termine delle politiche dell'Ente in materia di reclutamento e assunzione di personale indicate nel Piano di fabbisogno di personale 2018-2020, già approvato – ha fatto emergere che per il solo personale stabilizzato (406 unità) il costo si aggirerà, nel 2030, a circa 26 milioni di euro, a cui si aggiunge la previsione di spesa per i candidati inseriti nel terzo elenco del comma 1 del D.lgs. n. 75/2017, pari a 1.113.122 euro all'anno.
  Inoltre, tenuto conto dei profili professionali dei candidati, il costo totale presunto per procedere alla stabilizzazione di 35 unità ai sensi dell'articolo 20 comma 2 D.lgs. 75/2017 (Prioritari) è di circa 1,8 milioni di euro all'anno, a fronte dei quali la norma prevede il reclutamento dall'esterno di altrettante unità di personale.
  Anche per le ulteriori stabilizzazioni la spesa aumenterebbe negli anni successivi, con evidenti ripercussioni sul bilancio dell'Ente, tenendo conto, inoltre, dell'impatto finanziario derivante dalla legittima aspettativa ad avanzamenti di carriera da parte del personale già interno all'Ente.
  Premesso quanto sopra, questa Amministrazione si sta già adoperando per valutare le soluzioni migliori da adottare per garantire la sostenibilità finanziaria di eventuali ulteriori assunzioni per stabilizzazione.