• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/03096 (5-03096)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-03096presentato daFICARA Paolotesto diMercoledì 6 novembre 2019, seduta n. 253

   FICARA, GRIPPA, CASA, ERMELLINO e PIGNATONE. — Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

   si apprende, in questi giorni, la notizia di una segnalazione, da parte del «Coordinamento per il territorio No discarica Armicci e Bonvicino» di Lentini (Siracusa) ai diversi enti di competenza (Asp, Arpa, Ispra, oltre che al Nucleo investigativo circondariale tutela ambientale e sanitaria presso la procura), di sospette infiltrazioni di liquidi scuri nelle volte della galleria San Demetrio dell'autostrada Catania-Siracusa, provenendo da Catania nella direzione Lentini, a circa 1,5 chilometri. Lo stesso fenomeno e alla stessa altezza si ripeterebbe all'interno galleria attigua; considerando anche l'odore acre che si avverte, il sospetto generale è che si tratti di percolato, presumibilmente proveniente dalla soprastante discarica di Grotte San Giorgio, in proprietà e gestione della Sicula Trasporti Srl;

   con la segnalazione, oltre l'esame dei liquidi, è stato richiesto che si appuri lo stato di eventuale pericolosità strutturale delle gallerie e la causa dei ripetuti episodi di combustione di veicoli avvenuti durante il transito all'interno delle suddette gallerie;

   dal punto di vista delle potenziali irregolarità amministrative, un elemento oggettivo è la relazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite nel ciclo dei rifiuti, nel cui dossier finale si parla della discarica di Grotte San Giorgio;

   la relazione, nel ripercorrere la storia della discarica, evidenzia come nelle continue situazioni di emergenza si sia passati da «decreti autorizzativi poco rispettosi delle norme ambientali vigenti, le cui conseguenze ambientali solo in piccola parte sono oggi note»;

   nella relazione si legge che dall'esame dei documenti si conclude che tutti i decreti di autorizzazione ambientale «rilasciati non possiedono le caratteristiche di conformità legislativa né conseguentemente permettono l'effettuazione di controlli (...). Ciò ha determinato una grave compromissione del territorio»;

   nonostante non sia stato ancora dimostrato scientificamente il nesso di causalità, molti studi hanno rilevato un elevato tasso di incidenza di patologie neoplastiche e malformazioni che colpiscono le popolazioni insediate in prossimità di discariche;

   considerando anche la non corretta gestione delle procedure e/o l'eventuale mancato rispetto delle stesse, è chiaro che l'incidenza del rischio di ripercussioni sulla salute è maggiore, così come le ripercussioni sulla sicurezza delle infrastrutture che si trovano nelle immediate vicinanze, come appunto nel caso della galleria in questione;

   già nel 2018 a detta del Coordinamento erano stati segnalati episodi di odori molesti, senza tuttavia ricevere riscontro alcuno –:

   se siano a conoscenza di quanto sopra riportato e quali iniziative di competenza intendano porre in essere, anche promuovendo una verifica da parte del Comando dei carabinieri per la tutela dell'ambiente, al fine di tutelare la salute e la sicurezza delle persone e dei luoghi in questione.
(5-03096)