• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/02404 VALENTE, BITI, ALFIERI, IORI, PITTELLA - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Premesso che a quanto risulta agli interroganti: il Comune di Napoli, con...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-02404 presentata da VALERIA VALENTE
mercoledì 30 ottobre 2019, seduta n.160

VALENTE, BITI, ALFIERI, IORI, PITTELLA - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Premesso che a quanto risulta agli interroganti:

il Comune di Napoli, con ordinanza sindacale del luglio 2019, ha indicato ad Asia Napoli, azienda partecipata che effettua i servizi di igiene ambientale, il comprensorio ex Icm di via nuova delle Brecce come sito di stoccaggio temporaneo per i rifiuti raccolti sul territorio comunale, in attesa di trasferimento agli impianti di trattamento;

l'amministrazione comunale ha disposto questa misura straordinaria sulla base di una situazione di criticità dovuta, tra l'altro, al fermo temporaneo per manutenzione del termovalorizzatore di Acerra, che però risulta essere rientrato pienamente operativo addirittura in anticipo rispetto al previsto;

in realtà, il detto provvedimento dell'amministrazione comunale prolunga semplicemente una situazione che vede il sito di stoccaggio operativo già da lungo tempo nella ricezione di grossi quantitativi di rifiuti da tutta la città e, in particolare, della frazione umida che è la causa principale delle esalazioni denunciate dagli abitanti dell'area est della città, frazione umida che viene rifiutata dagli impianti di compostaggio fuori regione a causa della sua pessima qualità;

considerato che:

di questa situazione emergenziale stanno facendo le spese innanzitutto gli abitanti di Napoli est, che da mesi protestano per i miasmi provenienti dal sito di stoccaggio, il quale, per le ragioni evidenziate, da temporaneo è diventato di fatto permanente, creando una condizione di vero e proprio allarme igienico-sanitario in un'area della città già fortemente compromessa dal punto di vista ambientale, tanto da essere stata dichiarata Sito di interesse nazionale (SIN);

nell'incontro istituzionale sul tema, svoltosi a Roma in data 24 ottobre 2019 tra il Ministro dell'ambiente e il Sindaco di Napoli, quest'ultimo ha dato assicurazioni rispetto al fatto che il sito in questione verrà svuotato entro pochi giorni e comunque entro la fine del mese,

si chiede di sapere

se il Ministro in indirizzo nell'incontro recente citato abbia potuto appurare le reali cause dell'emergenza in corso nello stabilimento di stoccaggio di via delle Brecce, ed in particolare se ritenga che una situazione emergenziale che si protrae da lungo tempo possa essere causata soltanto da un termovalorizzatore temporaneamente fermatosi, oppure sia causata da un problema strutturale riguardante la qualità della raccolta differenziata attuata dall'azienda Asia e più in generale il ciclo dei rifiuti nel Comune di Napoli;

se, alla luce della situazione particolarmente critica venutasi a verificare da lungo tempo nella gestione dei rifiuti a Napoli, non ritenga necessaria e non più rinviabile l'adozione di provvedimenti immediatamente efficaci, come ad esempio il commissariamento o l'istituzione di una cabina di regia, che consenta alla città di uscire da un'emergenza che interessa decine di migliaia di cittadini napoletani.

(4-02404)