• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.3/01063 (3-01063)



Atto Camera

Interrogazione a risposta orale 3-01063presentato daVALLASCAS Andreatesto diVenerdì 25 ottobre 2019, seduta n. 246

   VALLASCAS. — Al Ministro dell'interno. — Per sapere – premesso che:

   con comunicazione n. 5870 del 18 maggio 2015, il capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco ha trasmesso, unicamente «per opportuna conoscenza», alle direzioni regionali e ai comandi provinciali, la «Guida tecnica ed atti di indirizzo per la redazione dei progetti di prevenzione incendi relativi ad impianti di alimentazione di gas naturale liquefatto (gnl) con serbatoio criogenico fisso a servizio di impianti di utilizzazione diversi dall'autotrazione» e la «Guida tecnica ed atti di indirizzo per la redazione dei progetti di prevenzione incendi relativi ad impianti di distribuzione di tipo 1-gnl, 1-gnc e 1-gnc/gnl per autotrazione»;

   nella medesima comunicazione, si annunciava che per guide tecniche, «approvate dal Comitato Centrale Tecnico Scientifico per la Prevenzione Incendi, [...] si sta provvedendo a predisporre un decreto per l'emanazione della relativa regola tecnica di prevenzione incendi in coerenza con la vigente regolamentazione in materia di gas naturale»;

   a tutt'oggi, il menzionato decreto non sarebbe stato ancora emanato, circostanza che avrebbe determinato una situazione di grave incertezza soprattutto per quanto riguarda i progetti di prevenzione incendi relativi agli impianti di utilizzazione cosiddetti «satellite» per usi diversi dall'autotrazione;

   per questo tipo di impianti verrebbero tuttora adottati i criteri esplicati nella circolare n. 3819 del 21 marzo 2013 del dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile che ha per oggetto gli impianti di Gnl a servizio di stazioni di rifornimento di gas naturale compresso (Gnc) per automazione;

   le prescrizioni contenute nella citata circolare risulterebbero inutilmente sovradimensionate viste le differenti condizioni in cui si troverebbero a operare gli impianti «satellite» per usi diversi dall'autotrazione rispetto alle stazioni di servizio (in quest'ultimo caso, ad esempio, la normativa deve tenere conto di un servizio rivolto al pubblico, quindi, con un afflusso di automobilisti e con la previsione di una gestione automatica degli impianti in regime di self-service);

   questa circostanza sarebbe confermata da quanto esposto nella Guida tecnica per gli impianti diversi dall'autotrazione, trasmessa il 18 maggio 2015, nella quale sarebbero assenti alcune prescrizioni che sarebbero viceversa richieste per gli impianti per autotrazione;

   da quanto esposto risulterebbe che, oggi, come di fatto starebbe accadendo da alcuni anni, le aziende intenzionate a realizzare un impianto di stoccaggio e gassificazione del Gnl per la produzione di energia termica, e comunque per un uso diverso dall'autotrazione, dovrebbero sostenere un considerevole surplus di costi per realizzare opere che la nuova Guida tecnica non prevede;

   questa circostanza, oltre a ritardare i processi di ammodernamento ed efficientamento del sistema industriale e dei trasporti italiani, di cui le strategie energetiche rappresentano l'elemento centrale, impedirebbe ad aziende e imprese, con particolare riguardo alle industrie energivore, di accedere a un'opportunità di risparmio energetico;

   maggiormente penalizzate sarebbero quelle aree del Paese non interessate dalla rete di distribuzione del metano, come, ad esempio, la Sardegna, dove l'approvvigionamento del Gnl avviene con autocisterne;

   l'impiego del Gnl, assieme all'efficienza energetica, rappresenta una opportunità di mitigazione dei costi energetici che, nel breve periodo e in attesa di una transizione verso un sistema energetico basato su fonti rinnovabili, può aiutare l'industria nazionale a rimanere competitiva nel mercato sia interno che internazionale –:

   quali iniziative intenda adottare, per quanto di competenza, per superare l'attuale fase di incertezza nella predisposizione dei progetti di prevenzione incendi relativi ad impianti Gnl per usi diversi dall'autotrazione;

   se non si ritenga opportuno predisporre il decreto per l'emanazione della regola tecnica di prevenzione incendi così come annunciato nella comunicazione del 18 maggio 2015, con particolare riguardo alla Guida per gli impianti di utilizzazione diversi dall'autotrazione.
(3-01063)