• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/01939-A/033    premesso che:     il provvedimento in esame reca disposizioni in materia di Promozione del recupero in mare e per l'economia circolare;     secondo i dati...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/01939-A/033presentato daRAMPELLI Fabiotesto diGiovedì 24 ottobre 2019, seduta n. 245

   La Camera,
   premesso che:
    il provvedimento in esame reca disposizioni in materia di Promozione del recupero in mare e per l'economia circolare;
    secondo i dati riportati da associazioni ambientaliste in Italia i rifiuti plastici marini impattano su turismo, pesca e tutti i settori marittimi, con un danno complessivo che si aggira attorno ai 641 milioni di euro ogni anno in tutto il bacino mediterranee;
    le imprese del Mediterraneo mettono sul mercato 38 milioni di tonnellate di manufatti in plastica ogni anno, ma non coprono i costi di gestione dei rifiuti eccessivi che contribuiscono a generare;
    i cittadini e i turisti producono oltre 24 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica ogni anno. In molti comuni costieri il turismo estivo incrementa del 30 per cento la produzione di rifiuti plastici;
    oltre la metà dei prodotti in plastica finisce nella spazzatura in meno di un anno dalla sua produzione. Inoltre, molto spesso cittadini e turisti non suddividono i rifiuti in modo corretto, danneggiando così il sistema di riciclaggio;
    70 mila tonnellate di plastica finiscono nelle acque del Mediterraneo: e come se 33.800 bottigliette di plastica venissero gettate in mare ogni minuto;
    secondo Euromonitor international l'acquisto ammonta a un milione di bottiglie di plastica al minuto, 54,9 milioni di unità ogni ora. I dati mostrano che l'anno scorso sono state vendute oltre 480 miliardi di bottiglie di plastica, una cifra che dal 2009 è aumentata di oltre il 50 per cento;
    in queste classifiche, l'Italia si piazza al primo posto in Europa e terzo nel mondo, con 188 litri annui consumati nel 2017, contro una media europea di 117, e 206 litri nel 2018. In totale nei 28 Paesi dell'Ue si consumano annualmente 46 miliardi di bottiglie in plastica, tra i 7,2 e gli 8,4 miliardi sono nel nostro Paese;
    la vendita delle bottigliette di plastica non obbliga l'acquirente allo smaltimento della bottiglia una volta consumata l'acqua né è previsto un meccanismo che promuova azioni virtuose nel consumatore;
    lo smaltimento della bottiglietta avviene spesso in luoghi molto lontani da dove è avvenuto l'acquisto;
    in alcune città europee i consumatori acquistano la bottiglietta in plastica con un sovrapprezzo molto alto per obbligarli al consumo immediato e al vuoto a rendere immediato a fronte del quale vi è della restituzione dell'80 per cento del pagamento,

impegna il Governo

   al fine di ridurre l'impatto della dispersione dei rifiuti di plastica in mare:
    a favorire l'installazione nelle città di minicompattatori che restituiscono al consumatore il valore economico della bottiglietta di plastica;
    a promuovere la tecnica del vuoto a rendere delle bottigliette di plastica per consentire alle aziende produttrici di riutilizzarle.
9/1939-A/33. Rampelli, Luca De Carlo, Rizzetto, Rotelli.