• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/02362 IANNONE - Ai Ministri dell'interno e della salute. - Premesso che a quanto risulta all'interrogante: il 21 ottobre 2019 sono stati vissuti momenti di drammatica tensione al pronto...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-02362 presentata da ANTONIO IANNONE
mercoledì 23 ottobre 2019, seduta n.158

IANNONE - Ai Ministri dell'interno e della salute. - Premesso che a quanto risulta all'interrogante:

il 21 ottobre 2019 sono stati vissuti momenti di drammatica tensione al pronto soccorso dell'ospedale "Santa Maria dell'Olmo" di Cava de' Tirreni per una lite degenerata con due feriti da arma da fuoco, scatenatasi dopo il diniego del medico di guardia di ricovero di un 80enne cavese;

i protagonisti sono due infermieri, padre e figlio, uno in servizio presso il "Ruggi d'Aragona" e l'altro al 118 che, nel pomeriggio, hanno accompagnato l'anziano parente al pronto soccorso dell'ospedale;

i due hanno tentato di scavalcare la fila, cercando di convincere il medico di turno che, però, ha rifiutato: è da qui che è nato un diverbio che, con il passare dei minuti, ha assunto toni sempre più accesi fino a degenerare con l'arrivo del padre del medico, presumibilmente avvisato dall'interessato;

un arrivo dal quale è scaturito un nuovo alterco culminato con l'estrazione, da parte del genitore del dottore di turno, di una pistola, puntata direttamente verso le gambe del figlio dell'ottantenne recatosi al pronto soccorso: è stato esploso un colpo che ha ferito l'uomo;

in difesa del padre gambizzato è intervenuto il figlio, nipote dell'anziano, che si è scagliato contro il responsabile del gesto: è partita una nuova colluttazione nel corso della quale è stato esploso un secondo colpo che, stavolta, ha raggiunto a un fianco proprio il papà del medico;

i due feriti sono stati soccorsi e operati per estrarre i due proiettili,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo intendano attivare i propri poteri ispettivi che, senza interferire con l'attività dell'autorità giudiziaria, accertino l'esistenza di responsabilità per il gravissimo accaduto per i profili di competenza;

quali iniziative intendano realizzare per garantire la sicurezza del personale medico e socio sanitario, atteso l'aumento esponenziale di aggressioni, che ormai si verificano quotidianamente.

(4-02362)