• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/03893 (4-03893)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-03893presentato daPANIZZUT Massimilianotesto diMercoledì 23 ottobre 2019, seduta n. 244

   PANIZZUT. — Al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che:

   nei primi giorni del mese di ottobre 2019 è stato pubblicato un bando di assunzione di 616 operatori giudiziari area II fascia economica F1, mediante avviamento degli iscritti ai centri per l'impiego, con un punteggio aggiuntivo per coloro che hanno prestato servizio in qualità di tirocinanti;

   si tratta di una selezione, come detto mediante avviamento degli iscritti ai centri per l'impiego, finalizzata all'assunzione di 616 operatori giudiziari, con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, per la copertura di posti vacanti in uffici giudiziari aventi sede nelle regioni Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto. Nello specifico le sedi interessate sono (tabella A dell'avviso in Gazzetta Ufficiale): l'amministrazione centrale di Roma (29 posti), distretto di Ancona (24 posti), Bari (26), Bologna (35), Brescia (36), Catanzaro (17), Firenze (11), Genova (16), Milano (126), Napoli (86), Reggio Calabria (35), Roma (98), Salerno (24), Torino (26), Venezia (27);

   il Ministero della giustizia aveva garantito, che nell'anno 2019 avrebbe assunto a tempo indeterminato, tramite delle selezioni presso i centri per l'impiego (articolo 16 della legge n. 56 del 1987) o almeno avrebbe assunto prima tutti i tirocinanti per l'ufficio per il processo (retribuiti dal Ministero della giustizia) e poi gli altri tirocinanti «semplici» retribuiti, invece, da alcune regioni italiane (per esempio Calabria, Toscana, Abruzzo e altre);

   nel bando per 616 operatori giudiziari risultano escluse alcune regioni, fra cui il Friuli Venezia Giulia, nella quale regione ci sono circa 14-15 tirocinanti per l'ufficio per il processo, 2 presso il tribunale di Trieste, 2 a Gorizia e i rimanenti a Pordenone, numero comunque insufficiente rispetto al fabbisogno di personale che c'è in tribunale;

   il presidente della corte d'appello di Trieste Olivieri Drigani, alla vigilia dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2018 ha affermato «L'organico della magistratura è praticamente completato. Abbiamo la fortuna di avere i dirigenti degli uffici giudiziari e siamo messi nella condizione di fare una navigazione sicura, il problema è che mancano i marinai, mancano gli organici e la situazione è pesante come l'anno scorso». Negli uffici giudicanti del Friuli Venezia Giulia ci sono scoperture pari al 42 per cento tra i funzionari, al 33 per cento tra i dirigenti amministrativi, al 23 per cento tra i cancellieri e gli assistenti. «Nota positiva – ha osservato Drigani – è che siamo stati inseriti, per quanto riguarda gli assistenti giudiziari, nella pianta delle scoperture che dovranno essere coperte» –:

   quale sia la motivazione per cui non si intendano colmare i vuoti di organico degli operatori giudiziari nella regione Friuli Venezia Giulia con i tirocinanti per l'ufficio per il processo che in questa regione sono presenti;

   se il Ministro non intenda adottare iniziative concrete che soddisfino le legittime aspettative dei lavoratori che, sicuramente, non vanno in rotta di collisione con le esigenze dell'amministrazione.
(4-03893)