• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.3/01026 (3-01026)



Atto Camera

Interrogazione a risposta orale 3-01026presentato daPRETTO Erik Umbertotesto diMartedì 15 ottobre 2019, seduta n. 239

   PRETTO, PATASSINI, ANDREUZZA, BINELLI, COLLA, DARA, GALLI e PETTAZZI. — Al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

   dal 1° luglio 2020 il regime «di maggior tutela» previsto dalla legge 4 agosto 2017, n. 124, per il settore del gas naturale e dell'energia elettrica cesserà, con l'obiettivo di favorire una sana concorrenza tra gli operatori, nel rispetto di precise regole che impongano offerte trasparenti e comprensibili da parte dei consumatori;

   nella sua relazione annuale 2019, il presidente dell'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arerà) ha auspicato la conferma del 1° luglio 2020 come termine ultimo per l'applicazione del regime di libero mercato alle bollette di luce e gas, in quanto l'eventuale ulteriore proroga della scadenza creerebbe grandi incertezze sia per gli utenti che per i fornitori e farebbe venire meno il carattere cogente delle diverse azioni;

   come ribadito da ultimo nella determinazione DSAI/61/2018/COM della direzione sanzioni e impegni dell'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) in materia di trasparenza della bolletta, la deliberazione dell'Autorità del 16 ottobre 2014, 501/2014/R/com, recante «Bolletta 2.0: criteri per la trasparenza delle bollette per i consumi di elettricità e/o di gas distribuito a mezzo di reti urbane», con le successive modificazioni, individua i nuovi criteri per la trasparenza delle bollette per i consumi di energia elettrica e/o di gas distribuito a mezzo di reti urbane, con l'obiettivo principale di razionalizzare e semplificare le informazioni contenute nelle fatture;

   al fine di una maggiore comprensione e trasparenza della bolletta, l'articolo 20 della citata deliberazione prevede che ciascun venditore sul mercato libero pubblichi, sul proprio sito internet, una Guida alla lettura contenente una descrizione completa delle singole voci che compongono gli importi fatturati e aggiorni detta guida in caso di introduzione di nuove componenti che concorrono alla determinazione delle predette voci e inserisca nel materiale contrattuale, consegnato al cliente finale al momento della sottoscrizione, il riferimento all'indirizzo internet e/o alle ulteriori modalità per prendere visione della predetta guida alla lettura;

   tali misure tuttavia, in relazione al settore del gas naturale, non si sono dimostrate sufficienti a comprendere nel dettaglio i costi che sono addebitati al consumatore finale: in particolare, sarebbe utile inserire in bolletta delle specifiche voci che la rendano più chiara, leggibile e comprensibile a tutti gli utenti e che consentano agli stessi di avere maggiore consapevolezza sui costi di acquisto del gas, sui costi di trasporto dello stesso, sulle spese di gestione del contatore, sulle spese legate ad eventuali altri oneri di sistema, sulle accise e le imposte, in modo da distinguere meglio le singole componenti di spesa, da elencare quindi separatamente, che concorrono all'intero importo della fattura –:

   se intenda assumere iniziative normative a tutela dei consumatori per demandare all'Arera la predisposizione di ulteriori misure volte a favorire l'accesso degli utenti alle informazioni sui costi indicati in premessa e, più in generale, per garantire una maggiore trasparenza e chiarezza nelle bollette del gas naturale soprattutto in vista degli aumenti previsti già dal mese di ottobre 2019.
(3-01026)