• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.4/03523 (4-03523)



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-03523presentato daSPERANZA Robertotesto diMercoledì 21 agosto 2019, seduta n. 221

   SPERANZA. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere – premesso che:

   il concorso indetto con decreto direttoriale della direzione generale per il personale scolastico, protocollo n. 1259 del 23 novembre 2017, per l'assunzione di 2425 dirigenti scolastici, divenuti 2900 in seguito a nuove disposizioni, risulta essere stato annullato in toto dal Tar Lazio, sezione terza bis, che con sentenza breve del 2 luglio 2019, n. 8655, ha accolto il ricorso 6233 del 2019 «a seguito della riconosciuta fondatezza della doglianza che ha contestato la legittimità dell'operato della Commissione plenaria nella seduta in cui sono stati fissati i criteri di valutazione, con conseguente annullamento in toto della procedura concorsuale in questione»;

   coloro i quali non hanno superato le prove orali, le hanno sostenute, in taluni casi, alla presenza dei commissari dichiarati incompatibili dalla suddetta sentenza n. 8655 del 2019;

   i candidati valutati non idonei alla prova orale lamentano di aver riscontrato diverse illegittimità durante la procedura concorsuale;

   la mancata predisposizione di una banca di quesiti a livello nazionale ha determinato una controversa interpretazione nella formulazione di essi da parte delle singole commissioni, discrezionalità che potrebbe aver creato disparità di trattamento e varianza nel numero di idonei tra le diverse commissioni;

   i criteri di valutazione contenuti nelle griglie allegate all'accesso agli atti sono risultati differenti rispetto a quelli contenuti nel regolamento del concorso, di cui al decreto ministeriale n. 138 del 2017 –:

   se il Ministro interrogato sia a conoscenza di quanto esposto in premessa e quali iniziative intenda intraprendere, per quanto di competenza, per rispondere alle legittime aspettative di quanti ritengono che il concorso sia stato inficiato da un numero così alto di illegittimità da richiederne una revisione o, quanto meno, il nuovo espletamento delle prove orali;

   se non ritenga opportuno prendere posizione a tutela della legittimità degli atti, della trasparenza e della correttezza dell'azione amministrativa, scongiurando il rischio di ritenere ingiustamente non idonei candidati meritevoli.
(4-03523)