• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/02591 (5-02591)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-02591presentato daFREGOLENT Silviatesto diMercoledì 24 luglio 2019, seduta n. 214

   FREGOLENT, COLANINNO, DEL BARBA, FRAGOMELI, LIBRANDI, MANCINI, TOPO e UNGARO. — Al Ministro dell'economia e delle finanze. — Per sapere – premesso che:

   secondo quanto riferito dall'Associazione nazionale consulenti del lavoro- Ancl, l'Agenzia delle entrate starebbe emettendo degli avvisi di irregolarità relativi al Modello 770/2017 che sarebbero frutto di un'impropria compilazione dovuta a malfunzionamenti di alcuni software;

   in particolare, l'Ancl denuncia la richiesta del versamento della differenza tra la somma contenuta nella certificazione unica 2017, relativa ai redditi 2016 e quanto riportato nel modello 770/2017, al rigo SX47, colonna 3;

   le istruzioni ministeriali relative al modello 770/2017 prevedono che nel rigo SX47, alla colonna 3, debba essere indicato l'ammontare del credito «bonus Irpef» — il cosiddetto bonus fiscale di 80 euro previsto dal decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89 — riconosciuto e successivamente recuperato dal sostituto d'imposta in sede di effettuazione delle operazioni di conguaglio, da esporre anche nella prima sezione del quadro ST, con la precisazione che detto credito recuperato non è quello utilizzato in compensazione bensì quello recuperato dal sostituito in quanto non spettante;

   molti software di compilazione hanno riportato nel rigo SX47, alla colonna 3, l'ammontare del bonus al netto delle compensazioni ed è da questa incongruente esposizione di dati, frutto di un'impropria compilazione dei due diversi modelli, che derivano le differenze richieste negli avvisi bonari;

   l'errore si sarebbe quindi ingenerato a causa di un disallineamento tra le istruzioni per la compilazione dei due modelli e la rimozione temporanea del controllo bloccante sui software di compilazione automatica, «tuttavia» i dati per poter riscontrare che l'avviso di irregolarità si fonderebbe su una apparente incongruenza tra la certificazione unica e il modello 770/2017 sono già in possesso dell'Amministrazione finanziaria;

   per poter chiarire la difformità dei dati, molti professionisti hanno utilizzato i servizi di assistenza dell'Agenzia delle entrate riscontrando un comportamento difforme sul territorio da parte dell'amministrazione finanziaria: alcune sedi accettano i chiarimenti mediante il canale telematico Civis, altre richiedono una Pec, altre la richiesta di un'istanza da protocollare con trattazione successiva, altre ancora la necessità di recarsi fisicamente in sede muniti di delega del sostituto –:

   data oramai la estesa dimensione del fenomeno, se non ritenga necessario fornire, in tempi brevi, a tutte le sedi territoriali, le indicazioni per applicare le stesse modalità operative d'intervento per la rapida risoluzione della problematica esposta in premessa.
(5-02591)