• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
S.4/01986 RONZULLI - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e per la famiglia e le disabilità. - Premesso che: i recenti fatti di Reggio Emilia, emersi a seguito dell'indagine "Angeli e...



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-01986 presentata da LICIA RONZULLI
giovedì 18 luglio 2019, seduta n.135

RONZULLI - Ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali e per la famiglia e le disabilità. - Premesso che:

i recenti fatti di Reggio Emilia, emersi a seguito dell'indagine "Angeli e demoni", tuttora in corso, hanno posto nuovamente l'attenzione sulla questione relativa all'affidamento e al collocamento in case famiglia dei minori;

l'attuale quadro legislativo, apparentemente garantista dei diritti dei minori e delle loro famiglie, nella realtà mostra una serie di criticità sul piano applicativo;

l'attuale sistema di affido dei minori presenta l'eccessiva discrezionalità attribuita ai servizi sociali, la frequente sussistenza di situazioni di conflitto di interessi in capo a molti operatori del settore e la mancanza di adeguati ed efficienti strumenti di controllo sull'affidabilità dei soggetti affidatari e sugli standard qualitativi e di servizio delle comunità ospitanti;

recentemente l'interrogante ha presentato un disegno di legge (AS 1389) in materia di tutela dei minori fuori famiglia recante disposizioni volte a superare le criticità del sistema degli affidamenti nelle case famiglia e a garantire una maggiore efficienza e trasparenza del sistema;

nello specifico, il disegno di legge reca modifiche alla legge n. 184 del 1983 e ad alcune disposizioni del codice civile, finalizzate ad aggiornare la legislazione vigente ai principi del giusto processo sanciti nella Carta costituzionale;

i fatti di Reggio Emilia non sono casi isolati: il quotidiano "La Verità" del 18 luglio 2019 (pag. 12) riporta, a distanza di poche settimane, un'ulteriore vicenda di abusi ai danni di minori dati in affido e delle loro famiglie, questa volta a Sant'Ilario d'Enza, sempre in provincia di Reggio Emilia;

il copione è lo stesso: una famiglia in difficoltà economiche, una segnalazione ai servizi sociali, accuse (dubbie) di abusi e, in ultimo, gli psicologi coinvolti nell'indagine "Angeli e demoni";

si tratta di un tema particolarmente delicato che richiede un intervento urgente, non più procrastinabile, del Parlamento e delle autorità pubbliche a tutti i livelli,

si chiede di sapere:

se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza dell'episodio di affido illecito riportato oggi dal quotidiano "La Verità" e della situazione in cui vivono i minori che sono attualmente, o sono stati in passato, oggetto delle cure assistenziali del "sistema" emerso a seguito dell'indagine "Angeli e demoni";

quali iniziative di competenza, anche normative, intendano intraprendere con riguardo al fenomeno delle sottrazioni illegittime di minori da parte dei servizi pubblici.

(4-01986)