• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/02485 (5-02485)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-02485presentato daDI MAIO Marcotesto diVenerdì 12 luglio 2019, seduta n. 207

   MARCO DI MAIO. — Al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. — Per sapere – premesso che:

   vi è molta preoccupazione da parte delle organizzazioni sindacali di categoria in merito alle attuali criticità che interessano il settore scolastico in Emilia-Romagna;

   i nodi strutturali più critici riguardano l'insufficienza degli organici, l'inadeguatezza dei meccanismi di reclutamento del personale, i vuoti nell'ambito dei dirigenti scolastici e dei direttori dei servizi generali amministrativi, la carenza di docenti specializzati sul sostegno; questo nonostante l'aumento delle certificazioni e la presenza di classi, soprattutto nella secondaria superiore, con elevato numero di alunni;

   le scuole dell'Emilia-Romagna rischiano il collasso soprattutto a seguito della notizia dell'annullamento da parte del Tar del concorso per dirigenti scolastici in corso, i cui esiti avrebbero consentito la copertura di molte scuole della regione;

   su 523 istituti scolastici presenti in Emilia-Romagna ben 214 di queste, il 41 per cento, sono prive di dirigente scolastico titolare e sono affidate dall'amministrazione a un dirigente chiamato spesso a dirigere più scuole;

   mancano anche 258 direttori dei servizi generali amministrativi, altra figura apicale della scuola, pari al 49,5 per cento delle scuole della regione sostituito attualmente da personale amministrativo facente funzione che ad oggi ancora non trova un'adeguata soluzione e stabilità;

   l'accordo del 24 aprile 2019, tra le organizzazioni sindacali e il Governo per la parte che riguarda la stabilità del personale precario, deve essere attuato in tempi rapidi anche se i posti messi a disposizione risultano essere insufficienti a coprire i posti vacanti con il concreto rischio di ricorrere nuovamente a supplenti –:

   a fronte delle evidenti difficoltà riportate in premessa, quali iniziative intenda assumere con urgenza il Governo al fine di garantire per l'Emilia-Romagna un regolare avvio dell'anno scolastico rispondendo alle richieste provenienti dal mondo della scuola e delle organizzazioni sindacali e assicurando il rispetto del diritto allo studio e la dignità del personale che opera all'interno della scuola.
(5-02485)