• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/02510 (5-02510)



Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-02510presentato daBRUNO BOSSIO Vincenzatesto diVenerdì 12 luglio 2019, seduta n. 207

   BRUNO BOSSIO e DE FILIPPO. — Al Ministro della salute. — Per sapere – premesso che:

   successivamente al varo e alla conversione in legge del decreto-legge n. 35 del 30 aprile 2019 concernente misure riguardanti la sanità calabrese, si era registrato un accordo tra i commissari e le organizzazioni sindacali territoriali con il quale, anche sulla base dei risultati raggiunti dalla precedente gestione commissariale, si autorizzavano le Asl della Calabria ad assumere a tempo indeterminato le unità di personale autorizzate con i decreti del commissario ad acta per il piano di rientro;

   suddetto accordo tradotto in una circolare del 27 giugno 2019, autorizzava le Asl, fino al 31 dicembre 2019, a prorogare e rinnovare tutti i contratti di lavoro a tempo determinato esistenti al mese di giugno 2019 e consentiva la possibilità di costituire nuovi rapporti sempre a tempo determinato per la copertura di posti vacanti autorizzati dalla struttura commissariale solo in assenza di graduatorie valide;

   si apprende che il commissario ad acta generale Dott. Saverio Cotticelli ha inviato una comunicazione indirizzata a tutti i soggetti istituzionali della sanità calabrese in data 5 luglio 2019 con la quale sospende unilateralmente le disposizioni assunte a seguito del citato accordo-circolare del 27 giugno 2019 riguardante l'applicazione delle norme contenute dal decreto-legge n. 35 del 2019 e dal citato accordo con le organizzazioni sindacali, fino alla riunione del tavolo tecnico interministeriale per la verifica dell'attuazione del piano di rientro;

   si evidenzia che in questo modo il provvedimento di necessità e urgenza quale il decreto-legge n. 35 del 2019, con la gestione commissariale straordinaria voluta dal Governo in carica, non solo presenta lacune, inefficienze e zone d'ombra, ma, con il blocco delle assunzioni determinato dalla comunicazione del 5 luglio, rischia di mandare in default il già fragile sistema sanitario calabrese con conseguenze drammatiche soprattutto per i cittadini;

   vanno inoltre chiarite le ragioni delle dimissioni del sub commissario Thomas Schael su cui si stanno moltiplicando i retroscena sugli organi di informazione –:

   se il Ministro sia a conoscenza di quanto riportato in premessa e quali iniziative intenda assumere per chiarire le ragioni della sospensione della circolare prot. 241891 del 27 giugno 2019;

   se e in quale modo si intendano confermare gli impegni assunti con quella circolare.
(5-02510)