• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.9/01698-A/023    premesso che:     il principio di turismo sostenibile è stato definito nel 1988 dall'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) nel seguente modo: «Le attività turistiche...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/01698-A/023presentato daMASI Angelatesto diMercoledì 10 luglio 2019, seduta n. 206

   La Camera,
   premesso che:
    il principio di turismo sostenibile è stato definito nel 1988 dall'Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO) nel seguente modo: «Le attività turistiche sono sostenibili quando si sviluppano in modo tale da mantenersi vitali in un'area turistica per un tempo illimitato, non alterano l'ambiente (naturale, sociale ed artistico) e non ostacolano o inibiscono lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche»,
    la Global Sustainable Tourism Council (GSTC), organizzazione istituita nel 2007 da UNEP e UNWTO per promuovere la sostenibilità e la responsabilità sociale nel mondo del turismo, ha elaborato in questo contesto degli standard, noti anche come criteri GSTC, per definire i principi guida e i requisiti minimi per un turismo socialmente, economicamente, culturalmente e ambientalmente sostenibili in tutti il mondo: GSTC C-HTO: criteri GSTC per gli hotel e i tour operator e GSTC CD: criteri GSTC per le destinazioni. Gli standard di riferimento, riconosciuti a livello mondiale e applicabili a tutto il settore turistico, definiscono i criteri che costituiscono le caratteristiche base che ogni attività turistica dovrebbe aspirare ad ottenere. I criteri si sviluppano attorno a quattro concetti fondamentali: pianificazione efficace della sostenibilità; massimizzazione dei benefici sociali ed economici per la comunità locale e minimizzazione degli impatti negativi; accrescimento del patrimonio culturale, massimizzando i benefici su di esso e minimizzandone gli impatti negativi; riduzione degli impatti negativi sul patrimonio ambientale e massimizzazione degli impatti positivi;
    nel corso degli anni la letteratura di settore, mutuando i concetti da quelli dello sviluppo sostenibile, ha evidenziato come il turismo sostenibile poggia su 3 direttrici: ambiente, economia, comunità locali;
    il turismo sostenibile si caratterizza, dunque, per essere anche una modalità operativa trasversale che deve essere sempre tenuta in considerazione dagli operatori del settore e dagli amministratori;
    in Italia il 2019 è, altresì, l'anno del turismo lento, una delle forme meno invasive di turismo e concettualmente vicine al turismo sostenibile e responsabile, capace di valorizzare le tipicità di un luogo, la conoscenza e la scoperta di cibi biologici e a chilometri zero, la propensione a destinazioni attente dal risparmio energetico e alla raccolta differenziata, l'attenzione e il rispetto verso i luoghi visitati e le comunità locali,

impegna il Governo

nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica, a valutare l'opportunità di intraprendere, iniziative volte alla promozione di misure di innovazione e specializzazione della filiera turistica al fine di renderla sostenibile dal punto vista ambientale, delle economie e della cultura locale al di là della tipologia di turismo.
9/1698-A/23. Masi.