• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.5/02321 (5-02321)



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in commissione 5-02321presentato daDELMASTRO DELLE VEDOVE Andreatesto diMercoledì 19 giugno 2019, seduta n. 192

   DELMASTRO DELLE VEDOVE. — Al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale. — Per sapere – premesso che:

   il 10 gennaio 2019 il dittatore Nicolas Maduro ha assunto il secondo mandato a seguito di elezioni a cui non hanno potuto partecipare tutti i partiti dell'opposizione;

   il 23 gennaio 2019, nel rispetto della Costituzione venezuelana, Juan Guaidò è stato riconosciuto dall'Assemblea Nazionale quale Presidente ad interim al fine di indire velocemente libere elezioni con democratiche garanzie di partecipazione;

   molti Stati europei hanno già riconosciuto Juan Guaidò quale Presidente ad interim del Venezuela al fine di indire libere elezioni;

   l'Italia, con il suo veto, ha impedito che l'Unione europea riconoscesse Juan Guaidò;

   la posizione dell'Italia sembrerebbe finalmente poter mutare a seguito della visita del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini negli Stati Uniti, svolta in questa settimana;

   fonti stampa rilevano che, nel corso degli incontri fra il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini, il Segretario di Stato Mike Pompeo e il vicepresidente Mike Pence, sia stato affrontato diffusamente il tema della politica internazionale e segnatamente quello del riconoscimento di Juan Guaidò quale Presidente ad interim del Venezuela;

   nelle predette circostanze il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini, secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa nell'edizione del 18 giugno 2019, avrebbe testualmente riferito agli interlocutori americani: «Per me da tempo si sarebbe dovuto riconoscere Guaidò»;

   l'esternazione del vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini corregge dunque la più che discutibile posizione ambivalente assunta sino ad oggi dal Governo italiano, in bilico fra Maduro e Guaidò e in frenetica oscillazione fra dittatura e libertà –:

   se il Governo abbia, re melius perpensa, deciso di riconoscere Juan Guaidò quale presidente ad interim del Venezuela, a meno che le rassicurazioni del vicepresidente del Consiglio dei ministri Matteo Salvini all'alleato americano siano da intendersi come assolutamente occasionali ed estemporanee.
(5-02321)